Il metodo di colonscopia funziona in dettaglio

Il metodo di colonscopia funziona in dettaglio

La colonscopia è uno dei test utilizzati per rimuovere corpi estranei, rimuovere tumori o polipi dal colon e dal retto e controllare l’emorragia ed è una delle procedure importanti nella diagnosi del cancro intestinale.

Come funziona la colonscopia?

Una colonscopia viene eseguita inserendo un tubo lungo e flessibile nel retto e una minuscola videocamera sul bordo consente al medico di vedere l’intero colon. A volte viene somministrato un lieve anestetico sotto forma di compresse, in altri casi, l’anestesia viene somministrata insieme a un analgesico attraverso una vena.

L’esame inizia sdraiandosi su un fianco su un tavolo, di solito con le ginocchia unite verso il petto, e il medico inserisce il colonscopio nel retto. L’endoscopio, abbastanza lungo da raggiungere qualsiasi punto del colon, contiene una torcia e un tubo o canale che consente al medico di pompare aria o anidride carbonica nel colon, offrendo al medico una migliore visione del rivestimento del colon.

Mentre si sposta l’endoscopio o si pompa aria, il paziente può avvertire crampi o un’urgente necessità di movimento intestinale. Il colonscopio ha anche una minuscola telecamera sulla testa. La telecamera invia le immagini a un monitor esterno, in modo che il medico possa esaminare l’interno del colon, e può anche inserire strumenti attraverso il canale per prelevare campioni di tessuto o rimuovere polipi o altri tessuti estranei. Il processo di colonscopia richiede tra i 30 ei 60 minuti.

La colonscopia è dolorosa?

Nella maggior parte dei casi, la colonscopia viene eseguita in anestesia generale, quindi il paziente non si sveglia fino al termine dell’intera procedura. La maggior parte delle persone non riesce a ricordare cosa è successo durante questo, e il tipo di anestesia è spesso facoltativo, quindi parlane con il tuo medico in anticipo.

Una piccola percentuale di persone può manifestare lievi crampi addominali, come dolori gassosi dopo una colonscopia, che durano circa un giorno dopo la procedura, perché il medico potrebbe aver utilizzato una piccola quantità di aria per aprire il colon per avere una visione migliore durante la procedura, quando quest’aria viaggia attraverso il colon. Potresti sentirti gonfio o gassoso.

Se durante l’endoscopia, il medico rileva un’area di tessuto che deve essere testata, probabilmente preleverà un campione per l’esame, nel qual caso potresti notare un leggero disagio o una piccola quantità di sanguinamento in seguito.

Rischi di colonscopia

La colonscopia viene solitamente eseguita senza complicazioni, poiché tra ogni 1000 casi, alcune complicazioni e rischi possono comparire solo in due casi, tra cui:

  • Dolore o fastidio addominale, che è l’effetto collaterale più comune di una colonscopia. Potresti anche provare crampi o gonfiore.
  • Sanguinamento Potrebbe notare sangue dal retto o dalle feci dopo la colonscopia. Alcuni farmaci, come le vitamine e gli analgesici da banco come l’aspirina, possono aumentare le possibilità di sanguinamento. Se li prendi, assicurati di informare il medico prima di sottoporsi all’endoscopia.
  • Una brutta reazione all’anestesia, potresti sentirti tremante al risveglio dopo lo speculum. Alcune persone possono avere una reazione pericolosa all’anestesia, come problemi cardiaci o respiratori. Informare il team medico prima di eseguire l’endoscopia se si è allergici a farmaci o se in precedenza si è avuta una brutta reazione all’anestesia.
  • La sindrome da elettrocoagulazione, se il medico ha bisogno di eliminare un tumore, utilizza una corrente elettrica per chiudere l’area. In rari casi, la corrente può andare più in profondità del necessario, bruciando alcuni tessuti e facendoli infiammare. Ciò può causare dolore addominale, febbre e battito cardiaco accelerato. La maggior parte dei casi migliora dopo aver assunto antibiotici per due o tre giorni.
  • Infezione: gli strumenti del colonscopio raramente trasportano batteri a causa della difficoltà di disinfettarli.
  • Un buco nell’intestino Lo strumento utilizzato dal medico nella colonscopia può causare un piccolo strappo, che potrebbe dover essere riparato con un intervento chirurgico.
  • Rischi legati alla preparazione per una colonscopia, il paziente di solito ha bisogno di usare un forte lassativo per svuotare l’intestino prima di eseguire la colonscopia. Alcuni tipi di lassativi possono causare problemi di disidratazione o elettroliti in alcune persone, come gli anziani, le persone con problemi cardiaci, renali o epatici, nonché Persone con malattie infiammatorie intestinali e donne in gravidanza.

In conclusione, dopo aver appreso il modo in cui funziona la colonscopia e i suoi potenziali rischi, ci sono alcuni sintomi a cui prestare attenzione dopo la colonscopia e contattare il medico non appena li si nota, e includono forti dolori o crampi all’addome, rigidità nell’addome, difficoltà nel passaggio di gas o nella defecazione, febbre, vertigini, Vomito, movimenti intestinali frequenti o gravi e sanguinamento rettale che non si ferma o sanguina più di 2 cucchiai.

Leggi altri argomenti relativi alla salute su Mia Gravidanza.

Vedere anche

Quali sono le vitamine che aiutano a concepire un audace?

Quali sono le vitamine che aiutano a concepire un bambino?

La medicina dimostra oltre ogni ragionevole dubbio che il sesso del feto è determinato dal …

Lascia un commento