8 sintomi del virus C all'inizio

8 sintomi del virus C all’inizio

Recentemente, molti paesi del mondo hanno condotto test di diagnosi precoce per il virus “C”. Solo negli Stati Uniti, circa 3,9 milioni di persone ne sono infette. E basandoci sull’entusiasmo di “Mia Gravidanza” nell’educare i suoi seguaci sull’importanza della diagnosi precoce, vi presentiamo i sintomi del virus C all’inizio e le modalità di trasmissione, in modo da evitare l’infezione.

Sintomi del virus C all’inizio

Il virus C è uno dei virus più importanti e pericolosi che infettano il fegato e ne distruggono le cellule e, purtroppo, non esiste ancora una vaccinazione contro di esso, quindi la diagnosi precoce è il passo più importante per minimizzarne l’impatto e facilitarne il trattamento con i farmaci disponibili.

E il virus C può richiedere sei mesi dal momento dell’infezione fino alla comparsa dei sintomi, questo periodo è chiamato: il periodo di incubazione.

Dopo il periodo di incubazione, alcune persone infette possono attraversare quella che chiamiamo: epatite acuta, mentre la maggioranza non mostra alcun sintomo, e con il passare dei mesi e degli anni l’infezione si trasforma in epatite cronica.

Tra i sintomi del virus C all’inizio (epatite acuta) e i suoi sintomi sono simili a un raffreddore o influenza:

  1. Sensazione generale di stanchezza e affaticamento.
  2. Alta temperatura corporea.
  3. Dolori articolari e muscolari.
  4. Anoressia.
  5. Nausea, vomito, mal di stomaco.
  6. Un’urina giallo scuro.
  7. Il colore delle feci diventa bianco o tahini.
  8. Ingiallimento degli occhi (ittero).

Sintomi del virus C inattivo

Dopo che il periodo di incubazione è trascorso, e quindi si verifica lo stadio di epatite acuta, che di solito si verifica senza la comparsa di alcun sintomo di malattia o qualche lieve comparsa, il virus entra in uno stato di inattività, cioè è presente nel sangue e non causa problemi di malattia. Questo periodo di inattività può richiedere diversi anni.

Qui, sottolineiamo l’importanza della diagnosi precoce dell’infezione da HCV.

Sintomi del virus C attivo

Nel periodo di inattività, il virus C infetta e distrugge lentamente le cellule del fegato e le cellule epatiche infette non si rigenerano o si sostituiscono, ma piuttosto si trasformano in cellule fibrotiche, con conseguente compromissione della funzionalità epatica.

Questa fibrosi può verificarsi in qualsiasi momento, a seconda dell’attività del virus e dei suoi sintomi oltre a quanto sopra:

  • Piedi e gambe gonfi.
  • Ascite ; Cioè, la presenza di filtri d’acqua nella parete addominale e il loro gonfiore.
  • Facilità di sanguinamento con piccoli tagli.
  • Vomito di sangue a causa della presenza di varici esofagee.
  • Insufficienza renale.
  • Il livello di coscienza è cambiato e può portare a un coma epatico.

Sintomi del virus C nel sangue

Il sistema immunitario del nostro corpo, il dispositivo più importante per la diagnosi precoce di virus, batteri e tutti i corpi estranei, e in caso di infezione con il virus, secerne un certo tipo di proteina, chiamati anticorpi che riconoscono il virus e cercano di eliminarlo, e possiamo misurare questi anticorpi analizzando il sangue.

In base al tipo di anticorpi rilasciati dall’organismo e alla loro percentuale nell’analisi del sangue, conosciamo l’entità dell’infezione. È nella sua fase acuta o cronica? Il virus è in uno stato di attività o inattività? Gli scienziati sono stati anche in grado di utilizzare un’altra analisi più accurata per rilevare il virus C e la sua attività nel corpo: l’analisi del DNA del virus PCR

Virus C rilevato in anticipo

Come abbiamo indicato all’inizio dell’articolo, la maggior parte dei paesi del mondo sta attualmente effettuando operazioni di rilevamento precoce del virus C. L’analisi dipende dal prelievo di una o due gocce di sangue e dall’analisi per rilevare la presenza di anticorpi contro il virus. Puoi anche eseguire questo controllo in qualsiasi laboratorio senza attendere le campagne.

Il virus virus C è contagioso?

Sì, il virus C è contagioso e il sangue è il principale mezzo di trasmissione, attraverso:

  1. Utilizzo di siringhe contaminate e usate.
  2. Uso di oggetti personali contaminati, come un rasoio, uno spazzolino da denti, ecc.
  3. A contatto con sangue contaminato dal virus, mentre le nostre mani presentano tagli o crepe.
  4. Uso di strumenti di piercing usati durante la realizzazione di tatuaggi e tatuaggi.
  5. Esercitare una relazione intima con una persona infetta dal virus, poiché c’è il virus C nello sperma, anche se in una piccola percentuale.
  6. Trasmissione dalla madre al feto durante il parto .

Il virus non viene trasmesso da:

  • Baci o abbracci.
  • Starnuti e tosse.
  • Allattamento al seno, a meno che il capezzolo non sia screpolato e dolorante.
  • Le zanzare.
  • Condividendo la stessa tavola e usando gli stessi cucchiai e così via.

In conclusione, sottolineiamo l’importanza della diagnosi precoce del virus C, poiché non esiste ancora una vaccinazione contro di esso e che i sintomi del virus C all’inizio sono lievi e assomigliano a sintomi di raffreddore e influenza, e in molti casi l’infezione passa senza sintomi.

Vedere anche

Quali sono le vitamine che aiutano a concepire un audace?

Quali sono le vitamine che aiutano a concepire un bambino?

La medicina dimostra oltre ogni ragionevole dubbio che il sesso del feto è determinato dal …

Lascia un commento