Qual è la forma della seconda ferita da parto cesareo?

Qual è la forma della seconda ferita da parto cesareo?

Il parto è motivo di preoccupazione per ogni donna incinta, ed è naturale che un parto cesareo non sia una cosa pianificata in precedenza, ma circa un quarto delle donne incinte sono costrette a partorire in questo modo per vari motivi. Se sei nato con taglio cesareo, la possibilità di partorire in questo modo la prossima volta sarà maggiore, e in questo caso sarai più consapevole e sperimentato dall’esperienza, ma ci saranno comunque questioni che ti riguardano, come la forma della seconda ferita da taglio cesareo, di cui parleremo in questo articolo.

Qual è la forma della seconda ferita da parto cesareo

Spesso la seconda ferita da taglio cesareo è la stessa della prima ferita, poiché il medico apre la ferita precedente, che nella maggior parte dei casi è orizzontale e la sua lunghezza va da quattro a cinque pollici, cioè da 10 a 12 centimetri, e la ferita è situato sotto l’area uterina, diversi centimetri sopra il pube, quindi si apre Il medico estrae gli strati interni della pelle e dei muscoli, estrae la testa del feto e il resto del suo corpo, il cordone ombelicale e la placenta, pulisce l’utero , quindi richiude la ferita con uno dei seguenti metodi:

  • Morsetti: il medico utilizza una cucitrice meccanica per chiudere la ferita con punti metallici, ed è l’opzione più comune perché è la più veloce e semplice.
  • Suture: in questo metodo, il medico utilizza aghi e suture per cucire la ferita e, sebbene questo metodo richieda più tempo, circa 30 minuti, molti medici ritengono che possa ridurre le probabilità di avere complicazioni della ferita.
  • Colla chirurgica: un adesivo per la pelle che sigilla insieme entrambi i bordi di una ferita. I medici pensano che questo sia il modo meno probabile per avere cicatrici, ma non è sempre un’opzione praticabile.

Pertanto, non c’è bisogno di preoccuparsi, nella maggior parte dei casi non ci sarà una nuova ferita per il secondo parto cesareo, piuttosto sarà la stessa della ferita precedente, ma ci sono alcuni casi speciali che i medici potrebbero dover aprire un’altra ferita , ecco il dettaglio:

  1. La presenza di gravi cicatrici intorno alla prima ferita: se le cicatrici sono così gravi da non poter essere rimosse durante il parto, o possono ostruire l’uscita del feto, i medici dovranno aprire un’altra ferita.
  2. Problemi di emergenza durante il parto: nei casi di un problema di emergenza durante il parto che richiede l’espulsione del feto rapidamente, i medici potrebbero dover aprire una ferita verticale anziché orizzontale, perché è più veloce nella rimozione del feto, ma ovviamente ha più complicazioni e la sua velocità di recupero è più lenta.

Leggi anche: Tutto ciò che riguarda il secondo taglio cesareo

 Suggerimenti per la cura di una ferita da parto cesareo

Ci sono alcune cose che aiutano la ferita del parto a guarire rapidamente e riducono la possibilità di cicatrici e dei suoi effetti, eccone alcune:

  • Mantieni pulita la ferita: assicurati di toccare un po ‘di acqua e sapone sulla ferita durante la doccia dopo il parto , poiché non è necessario isolare la ferita dall’acqua finché è guarita, ma assicurati di asciugare molto delicatamente senza strofinare il sito della ferita.
  • Usa le creme che il medico ti prescrive: alcuni medici prescrivono un antibiotico sotto forma di crema per la ferita, insieme ad alcune creme idratanti come la vaselina sterile, e alcuni medici sconsigliano l’uso di qualsiasi crema, quindi aderisci a le istruzioni del medico in questa materia.
  • Assicurati che la ferita sia ventilata: l’ aria aiuta ferite e ferite a guarire rapidamente, quindi approfitta di qualsiasi momento della giornata, indossa abiti comodi e rivela la posizione della ferita.
  • Rispettare gli appuntamenti fissati dal medico: se il filo che il medico usa per cucire la ferita non si dissolve, attenersi alla data di rimozione, poiché la sutura rimanente aiuta a formare cicatrici.
  • Interrompi l’esercizio: il medico potrebbe chiederti di interrompere l’esercizio e qualsiasi attività violenta per un periodo compreso tra due mesi e diversi mesi dopo la nascita, poiché l’esercizio precoce potrebbe riaprire la ferita.
  • Thrki : il movimento naturale dopo il parto cesareo -kalmha- aiuta ad accelerare la guarigione delle ferite, poiché è la circolazione sanguigna dell’utero e migliora la ferita, oltre a prevenire la formazione di coaguli di sangue dopo la nascita.

In conclusione, mia cara, dopo aver conosciuto la forma della seconda ferita da parto cesareo e i metodi di cura della ferita, se noti che la tua ferita è gonfia o infiammata, o ci sono pus o secrezioni sanguinose che escono ha un cattivo odore o la temperatura è aumentata, vai immediatamente dal medico, perché potresti avere un’infezione della ferita.

Vedere anche

Quali sono i benefici della maca per le donne incinte e i loro danni?

Quali sono i benefici della maca per le donne incinte e i loro danni?

La gravidanza ritardata è un problema che preoccupa tutte le mogli, per questo sono alla …