Qual è il significato dell'idrocefalo nel feto?

Qual è il significato dell’idrocefalo nel feto?

Esiste un gruppo di anomalie cerebrali che compaiono dalla nascita a causa di difetti congeniti che si sono verificati durante lo sviluppo del feto e queste anomalie variano in gravità da lieve a grave, la formazione del cervello nel feto inizia nel primo mese di gravidanza e continua a formarsi e svilupparsi durante la gravidanza, e in alcuni casi Un problema può verificarsi in questo processo di formazione, che causa difetti strutturali nel cervello e nel cranio, e questo può influenzare varie funzioni cerebrali, anche se il disturbo nella crescita del cranio è solo, e l’idropisia è una di queste anomalie che possono verificarsi al feto e portare a molti effetti, affrontiamo nel nostro argomento Idrocefalo nel feto, sue cause, sintomi e come trattarlo.

Cos’è l’idrocefalo nel feto?

L’idrocefalo è una condizione in cui il liquido in eccesso si raccoglie all’interno e intorno al cervello. Ciò può verificarsi a causa di:

  • Mancanza di assorbimento.
  • Ostruzione del deflusso.
  • Produzione eccessiva di liquido cerebrospinale all’interno dei ventricoli.

I ventricoli sono aree piene di liquido nel cervello e il liquido cerebrospinale si diffonde dai ventricoli intorno al cervello e al midollo spinale e la produzione di molto liquido cerebrospinale può portare all’accumulo di liquido nel cervello, che a sua volta può portare a un aumento della pressione all’interno della testa, e questo può causare l’espansione e la formazione delle ossa del cranio. Un aspetto sovradimensionato.

Cause di idrocefalo nel feto

La causa dell’idrocefalo nel feto è l’insorgenza di infezione nell’utero, inoltre, la maggior parte dei casi di idrocefalo nei feti è associata a molti disturbi e altre anomalie all’interno del cranio, indipendentemente dal fatto che queste anomalie siano correlate al sistema nervoso centrale, che è i casi più comuni, o al sistema nervoso centrale, Di seguito spieghiamo alcune delle distorsioni:

  • Restringimento del condotto acquoso, che è una delle associazioni eziologiche più comuni.
  • Sindrome di Dandy Walker.
  • Infiammazione cerebrale
  • labbro leporino.
  • Atrofia ottica bilaterale.
  • Deformità delle ossa facciali.
  • Anomalie cardiovascolari congenite.
  • Anomalie gastrointestinali.
  • Malformazioni del sistema genito-urinario.
  • Fusione renale congenita.
  • Deformità strutturali.
  • Sindrome di Mickel Gruber.
  • Sindrome di Miller-Decker.
  • Anomalie cromosomiche possono essere presenti in circa il 20% dei casi.
  • Trisomia 21.

Sintomi di idrocefalo nel feto

L’idrocefalo può essere diagnosticato prima della nascita mediante ultrasuoni, che è una tecnica di diagnostica per immagini che utilizza onde sonore ad alta frequenza e un computer per creare immagini di vasi sanguigni, tessuti e organi. Queste onde vengono utilizzate per vedere gli organi interni in azione e per valutare il flusso sanguigno attraverso vari vasi, in molti casi. I casi non sviluppano l’idrocefalo fino all’ultimo trimestre di gravidanza e quindi potrebbero non comparire sugli ultrasuoni eseguiti all’inizio della gravidanza.

Se non viene rilevato durante la gravidanza, l’idrocefalo verrà diagnosticato alla nascita dopo i test diagnostici. La testa del bambino può apparire più grande del normale. La circonferenza della testa del bambino viene misurata e confrontata con un grafico che può identificare i range normali e anormali.

I seguenti sono i sintomi più comuni dell’idrocefalo nei neonati:

  • La fontanella (l’area umida del cranio di un bambino) è piena o sporgente, con un punto debole nella parte superiore della testa.
  • Aumenta la circonferenza e le dimensioni della testa.
  • Convulsioni.
  • Occhi sporgenti e incapacità del bambino di guardare in alto con la testa rivolta in avanti.
  • Vene prominenti del cuoio capelluto.
  • Aumento dell’irritazione.
  • Un grido acuto.
  • Malnutrizione.
  • Vomito.
  • Sonnolenza
  • Crescita ritardata.

Trattamento dell’idrocefalo nel feto

Durante la gravidanza, l’idrocefalo viene solitamente gestito con l’osservazione.Finora non esiste un trattamento fetale per questo disturbo e viene attentamente monitorato per i segni di sofferenza che possono indicare la necessità di un travaglio prematuro .

Dopo il parto, l’idrocefalo viene trattato con una delle seguenti tre opzioni chirurgiche:

  • Shunt: un dispositivo che consente di controllare la pressione nel cervello drenando il fluido nella cavità addominale, dove il fluido può essere riassorbito.
  • Terza ventricolostomia laparoscopica: è una procedura minimamente invasiva che crea un’apertura nel pavimento del terzo ventricolo nel cervello, consentendo al fluido di fluire nel suo percorso normale.
  • Terza ventricolostomia laparoscopica e cauterizzazione del plesso coroideo: utilizzata come trattamento primario per la maggior parte dei bambini con idrocefalo, questa procedura riduce la velocità di produzione di liquido cerebrospinale oltre a fornire un nuovo percorso per la fuoriuscita di liquidi.

In conclusione, gli effetti dell’idrocefalo in un feto sono alquanto imprevedibili e variano da caso a caso e, poiché colpisce il cervello, i bambini possono soffrire di epilessia, difficoltà di apprendimento, perdita di memoria a breve termine, problemi di coordinazione, problemi di vista e pubertà precoce, ma spesso Questi bambini traggono beneficio dalla terapia fisica e dalla terapia occupazionale e, nei casi più lievi o in condizioni trattabili, un bambino con idrocefalo può svilupparsi completamente normalmente.

Fonti:
Idrocefalo fetale
Idrocefalo fetale
Idrocefalo fetale
Idrocefalo pediatrico
Tutto quello che dovresti sapere sui difetti congeniti del cervello

Vedere anche

Qual è la forma della seconda ferita da parto cesareo?

Qual è la forma della seconda ferita da parto cesareo?

Il parto è motivo di preoccupazione per ogni donna incinta, ed è naturale che un …