Metodi di trattamento dell'anemia acuta

Metodi di trattamento dell’anemia acuta

Comunemente noto nel trattamento dell’anemia grave è la terapia farmacologica o le vitamine, ma che dire di una dieta per l’anemia acuta? In questo articolo, esaminiamo alcune soluzioni naturali per curare l’anemia, con alcune vitamine che lo influenzano.

Trattare l’anemia grave

Prima di tutto, va notato che la definizione di anemia o anemia è una diminuzione della quantità di globuli rossi nel sangue o una diminuzione della concentrazione di emoglobina.

L’anemia viene diagnosticata quando la concentrazione di emoglobina è inferiore a 13 grammi / dL per gli uomini e 12 grammi / dL per le donne.

L’anemia si divide in:

  1. Acuta: un’improvvisa grave carenza di globuli rossi si verifica a seguito di sanguinamento grave o emolisi, che richiede il ricovero in ospedale e misure di emergenza come:
  • Trasfusione di sangue o suoi derivati ​​come plasma e piastrine.
  • Sospensione endovenosa.
  • Dare alcuni farmaci, come vasocostrittori o corticosteroidi e vitamina “K.”
  1. Cronico: una progressiva carenza di globuli rossi è causata da:
  • Carenza di ferro.
  • Mancanza di vitamine importanti per la produzione dei globuli rossi, come la vitamina “B12” e l’acido folico.
  • malattie croniche.
  • Anemia ereditaria o ereditaria.
  • qualche medicina.
  • altri motivi.

L’anemia è suddivisa in base alla sua gravità in:

  • Lieve concentrazione di emoglobina (10-11,9 g / dL).
  • Media, concentrazione di emoglobina (7-9,9 g / dL).
  • Grave, concentrazione di emoglobina inferiore a 7 g / dL.

Il trattamento per l’anemia dipende dalla sua causa e gravità, come segue:

  • In caso di anemia da lieve a moderata associata a carenza di ferro, il medico può prescrivere alcuni trattamenti come integratori contenenti ferro come pillole, sciroppi o aghi e iniezioni, oltre a modificare la dieta ricca di ferro.
  • Durante l’anemia grave, le possono essere prescritte trasfusioni di sangue o soluzioni per fermare la causa dell’anemia, se ad esempio si tratta di sanguinamento grave in ogni ciclo mestruale.
  • Per quanto riguarda l’anemia derivante da una carenza di vitamine, come la vitamina “B12” o l’acido folico, per curarle è sufficiente assumere dosi di queste vitamine e modificare la dieta.
  • Ma se la carenza di vitamina “B12” è dovuta all’incapacità dell’organismo di assorbirla, allora deve essere assunta per iniezione, a seconda dei casi.
  • In caso di anemia a seguito di malattie croniche come la malattia renale, la malattia deve essere controllata e, se l’anemia si intensifica, possono essere somministrate trasfusioni di sangue o l’ormone eritropoietina, che stimola la produzione di globuli rossi.
  •  In caso di anemia aplastica dovuta a insufficienza del midollo osseo a produrre globuli, le trasfusioni di sangue possono essere effettuate tenendo in considerazione la chemioterapia e i trapianti di midollo osseo.
  • Trattamento della causa dell’anemia emolitica, se acquisita, e trasfusione di sangue, se necessaria.
  • Per l’anemia falciforme, fornire loro ossigeno, antidolorifici, acido folico, antibiotici o trasfusioni di sangue per i casi gravi e somministrare farmaci antitumorali come l’idrossiurea.
  • Le persone con talassemia grave richiedono una trasfusione di sangue, acido folico e possono essere rimosse una milza o un trapianto di midollo osseo.

Dieta per l’anemia acuta

Come abbiamo detto, l’anemia acuta è una condizione di emergenza che richiede il ricovero in ospedale, è l’anemia grave.

Tuttavia, il trattamento farmacologico, soprattutto per l’anemia lieve e moderata, può essere supportato da una dieta ricca di vitamine, come la vitamina B12, e minerali come il ferro.

In caso di carenza di ferro, è difficile provvedere al fabbisogno giornaliero di pazienti affetti da ferro (150-200 mg) solo con il cibo, ed è preferibile portare con sé integratori alimentari per raggiungere le proporzioni normali.

È necessario separare gli alimenti e gli integratori contenenti ferro da quelli contenenti calcio, caffeina o ossalato, per evitare di ridurre l’assorbimento del ferro, ed è preferibile assumere ferro con vitamina “C” per aumentarne l’assorbimento.

Alimenti importanti per le persone con anemia:

  • Anche le verdure a foglia verde come spinaci, cavolo riccio e bietola contengono acido folico, da consumarsi al meglio con agrumi ricchi di vitamina “C” e contenenti anche acido folico.
  • Carne, pollame e frutti di mare come sardine, tonno, salmone, gamberetti, molluschi e ostriche.
  • Il fegato è uno degli alimenti più ricchi di ferro e acido folico, così come il cuore, il fegato e la lingua.
  • Legumi come fagiolo dall’occhio, fagioli bianchi, ceci, soia, fagioli e piselli.
  • Noci e semi, come semi di zucca, semi di girasole, pistacchi, anacardi e pinoli.

Trattamento per l’anemia con erbe medicinali

Esistono alcune erbe ricche di vitamine e minerali che supportano la dieta e il trattamento dell’anemia, come:

  • L’ortica è ricca di ferro e vitamine A, B, C e K. che ne aumentano l’assorbimento, è preparata come bevanda come il tè, il succo o cotta come gli spinaci.
  • Il prezzemolo è molto ricco di ferro e si beve come succo o bollito come tè.
  • Il dente di leone, o dente di leone, contiene ferro e ne aumenta l’assorbimento.
  • La citronella è ricca di vitamina C e acido folico, che aumenta l’assorbimento del ferro.

Frutti utili per l’anemia

Esistono molti frutti ricchi di vitamine e minerali per aumentare i livelli ematici, come ad esempio:

  • Il melograno, che è una ricca fonte di ferro, vitamine A, C, E e vitamina C che supporta l’assorbimento del ferro. Pertanto, includere il melograno e il suo succo nella dieta quotidiana aumenta il ferro nel corpo.
  • Gli avocado contengono ferro, acido folico e vitamine del gruppo B.
  • Le banane sono ricche di ferro e vitamine del gruppo B per produrre globuli rossi.
  • Le mele sono ricche di ferro, aumentano l’emoglobina e migliorano la salute della pelle.
  • Le prugne, in particolare le prugne secche, sono ricche di ferro, vitamina C e magnesio.
  • Agrumi ricchi di vitamina C e acido folico.
  • Le pesche sono ricche di vitamina “C” e mantengono occhi e pelle sani.

Si tratta di cibo, ma per quanto riguarda gli integratori e le vitamine che fanno bene all’anemia?

Le migliori vitamine per l’anemia

Come accennato, l’anemia può essere causata da una mancanza di ferro o vitamine, quindi ecco alcuni trattamenti per questo:

  1. Integratori di ferro: si presentano come:
  • Solfato ferroso.
  • Gluconato ferroso.
  • Fumarato ferroso.
  • Solfato ferrico.
  • Citrato ferrico.

Gli integratori di ferro devono essere presi dopo aver consultato un medico e seguendo le sue istruzioni, per ridurre gli effetti collaterali come la stitichezza e per aumentarne l’assorbimento, come:

  • Capsule di feroglobina.
  • Compresse di interferone.
  • Capsule diodinali di ferrosanolo.
  1. Multivitaminici: In caso di carenza di vitamina “B12” e acido folico per soddisfare il fabbisogno quotidiano dell’organismo, entrambi (vitamina “B12” 2,4 microgrammi e acido folico 400 microgrammi).

Consultare un medico per prendere la vitamina B12 in pillola o nei casi più gravi mediante iniezione e acido folico, che può richiedere quattro mesi o può prolungarsi, in alcuni casi, per tutta la vita.

In conclusione, mia cara, se stai cercando un trattamento per l’anemia grave, ti abbiamo elencato in questo articolo alcuni integratori e diete, ma non dovresti assumere alcun medicinale se non con l’ordine del medico per evitare i loro effetti collaterali ed evitare qualsiasi interazione con altri medicinali.

Leggi altri argomenti relativi alla salute su Mia Gravidanza .

Vedere anche

Quali sono le cause della stitichezza durante il nono mese di gravidanza?

Quali sono le cause della stitichezza durante il nono mese di gravidanza?

La stitichezza è un sintomo comune che molte donne sperimentano durante la gravidanza, soprattutto nei …

Lascia un commento