L'aborto spontaneo, come distinguerlo - Sanguinamento in gravidanza

L’aborto spontaneo, come distinguerlo – Sanguinamento in gravidanza (II)

Forse è così, ed è per questo che, in caso di dubbio, è meglio andare al pronto soccorso. Ma è anche possibile che tu non lo faccia, ed è per questo che voglio raccontarti la mia esperienza, perché anch’io ho pensato che tu stessi soffrendo di un aborto spontaneo, e non è stato così.

La mia esperienza: sanguinamento durante i primi tre mesi
Nella mia prima gravidanza ho avuto un’esperienza un po’ traumatica con un’emorragia, essendo incinta di circa 9 settimane. Un giorno, mentre lavoravo, mi sentivo come se mi stesse venendo il ciclo… ora mi capisci, ma era come un “plap”, qualcosa di molto improvviso e abbondante, che faceva scattare tutti i miei allarmi. Non avevo idea che potesse succedere, quindi ora potete immaginare la mia paura.

Sono andato in bagno, e quello che ho visto era molto sangue; la mia biancheria intima era bagnata fradicia e i miei pantaloni cominciavano a macchiarsi. Potete immaginare cosa mi è passato per la testa. Mi sono scusato al lavoro e ho chiamato il mio compagno, che per fortuna quel giorno era a casa, per fargli sapere che stavo arrivando (viveva nella casa accanto) e che dovevamo correre al pronto soccorso perché stavo sanguinando di brutto. Quando sono tornata a casa, i miei vestiti erano bagnati fradici, quindi ero sicura di aver perso il mio bambino… c’era più sangue lì che nelle mie regole, era impossibile che tutto andasse bene. Così mi sono cambiato, mi sono messo un impacco e siamo scesi al pronto soccorso.

Non ricordo cosa ho dovuto aspettare (sono passati 8 anni) ma ricordo che è stato un bel po’ di tempo, e che non riuscivo a smettere di pensare che mentre loro non facevano niente io stavo perdendo il mio bambino… Alla fine hanno fatto un’esplorazione e mi hanno detto che forse non era un aborto, che il sanguinamento non sembrava provenire dall’utero (da dove altro?), che stavano per fare un’ecografia per vedere se il feto era ancora vivo.

Questo se ricordo bene, mi ci sono volute 2 ore per vedere il mio bambino all’ecografia. 2 ore a piangere e a chiedermi se fosse ancora vivo o morto. Aspettando esattamente nella stessa stanza delle donne incinte felici, perché c’era solo quella macchina a ultrasuoni. Questa è una crudeltà imperdonabile, e vorrei che se non l’hanno cambiata ora, la cambieranno presto, perché con me c’era un’altra ragazza che sapeva per certo di averla persa e doveva confermare se l’aveva espulsa o no, per sapere se avrebbero fatto un curettage.

Nel mio caso, l’ecografia mi ha dato una novità che, in tutta onestà, non aspettavo più: la gravidanza andava avanti. C’era il mio bambino, con il cuore che batteva forte, con una taglia adeguata alla sua età gestazionale, ignaro di quello che stavo passando. Non potevo crederci, il sanguinamento era stato spietato… Che cosa era stato allora?

Nel mio caso nessuno mi ha spiegato nulla, mi hanno semplicemente detto che tutto andava bene e che avrei dovuto riposare fino alla fine dei primi tre mesi, e che se avessi avuto una forte sanguinamento accompagnato da dolore, sarei dovuto tornare. Ma solo in questo caso.

Tuttavia, dopo un po’ di tempo sono venuto a conoscenza di casi simili, e mi sono state fornite due probabili ragioni:

  1. Perdita di un secondo feto in un altro sacco gestazionale
  2. Un livido sull’utero che scoppia e viene espulso

Come vi dico nel mio caso, non mi hanno dato alcuna ragione e non ho mai saputo di cosa si trattasse. Ma non è stato un evento isolato, ho continuato ad avere piccole emorragie per il resto del primo periodo di tre mesi, a volte sanguinando come tale e altre volte solo piccole macchie rosa o brunastre, ma come potete immaginare fino al momento in cui le macchie non si sono fermate completamente e ho rivisto il mio piccolo sulla macchina a ultrasuoni non ho respirato tranquillamente.

Nella seconda gravidanza ero terrorizzata che mi succedesse di nuovo la stessa cosa, passando tutto il primo periodo di tre mesi con la persistente paura di perdere il mio bambino… ma questa volta non ho avuto nemmeno una piccola sanguinamento da impianto, e se l’ho avuta, era così morbida che non me la ricordo nemmeno.

È possibile prevenire il sanguinamento in gravidanza?

Non è qualcosa che possiamo prevenire o evitare, e di solito nulla di ciò che si fa fermerà il sanguinamento; tuttavia, ciò che spesso si raccomanda in questi casi è di effettuare un relativo riposo, per ridurre al minimo le possibilità di fare qualche attività improvvisa. I suggerimenti sono di solito :

  • Riposo e riposo durante le ore principali. Il vostro corpo consuma più energia, ha bisogno di più tempo per recuperare e ricostruire.
  • Rimanete in posizione orizzontale, con le gambe sollevate o su cuscini. Questo ottimizza la circolazione sanguigna
  • Evitare di fare sesso se si è verificata una sanguinamento, fino a quando non si ferma.
  • Una volta che si ritorna all’attività fisica, evitare all’inizio attività fisiche molto faticose o impegnative.
  • Evitare il sollevamento di carichi pesanti.

Vedere anche

Quali sono le cause dell'ormone della gravidanza alto dopo un aborto spontaneo?

Quali sono le cause dell’ormone della gravidanza alto dopo un aborto spontaneo?

L’aborto è un’esperienza crudele per ogni donna che ha avuto un aborto spontaneo, ma non …