Depressione postpartum: come riconoscerla e come ristabilire l'equilibrio psicologico dopo il parto

Depressione postpartum: come riconoscerla e come ristabilire l’equilibrio psicologico dopo il parto

La maternità è un periodo che presenta la gamma più inaspettata di emozioni diverse. Se qualcuno ha un passo dall’amore all’odio, allora una giovane madre è a due passi da un sentimento di gioia alla tristezza e persino allo sconforto. Una tale oscillazione emotiva non ha solo il suo termine – “depressione postpartum”, ma anche una spiegazione per questo processo. La psicologa Anna M. ha parlato del motivo per cui la depressione si verifica dopo il parto, di come si manifesta e, soprattutto, di come affrontarla.

Cos’è la depressione postpartum?

La depressione postpartum viene molto spesso scambiata per capricci, ma una tale formulazione della domanda è irta di gravi conseguenze. Il fatto è che la gravidanza è un processo fisiologico e psicologico complesso ed estenuante per la futura mamma. La velocità e il successo dell’adattamento a un nuovo ruolo dipendono dalla risorsa emotiva con cui una donna arriva alla maternità.

Sentimenti di irritabilità, ansia, desolazione e persino esclusione dal bambino, l’aspetto che stavi aspettando sono i segni della depressione postpartum. Una donna appena coniata in travaglio può sentirsi come una cattiva mamma e persino sentirsi ingiustamente colpevole. 

Cause di depressione dopo il parto

Le cause della depressione compaiono molto prima della nascita di un bambino tanto atteso, in particolare durante la gravidanza. Questo è il momento di una potente crisi psicologica, quando una donna dentro di sé risolve importanti compiti inconsci: 

  • Identificarti come un piccolo nel corpo di tua madre. È durante la gravidanza che si attualizzano le nostre esperienze e traumi infantili, episodi del nostro periodo prenatale, che nemmeno sospettavamo.
  • Identificazione con la madre . Durante questo periodo, il rapporto con la madre può subire vari cambiamenti: diventa più caldo o più conflittuale. Questa è una variante della norma.
  • Separazione dalla madre . Per il fatto stesso della gravidanza e del parto, passi dal ruolo di figlia a quello di donna adulta che partorirà anche lei. 

I compiti interni menzionati influenzano fortemente lo stato psicologico di una donna. Gli stati d’animo depressivi emergenti possono rapidamente estendersi alla depressione postpartum.

Dopo un periodo di gravidanza, l’importanza di come una donna si sente in un nuovo ruolo – il ruolo di una madre – aumenta. I seguenti fattori possono influenzare lo stato di depressione:

  1. Fattori fisiologici . Questi includono problemi come il corso del travaglio, il recupero della lattazione, la presenza / assenza di complicazioni, difficoltà fisiche che possono peggiorare la condizione e il benessere. 
  2. Il background ormonale è un altro fattore importante . Gli ormoni che hanno supportato la gravidanza funzionano ancora nel corpo, ma a loro vengono aggiunti gli ormoni responsabili dell’allattamento. Inoltre, il ciclo mestruale viene ripristinato: tutto ciò provoca una forte tempesta nel corpo della donna.
  3. I fattori psicologici sono di grande importanza. Qui stiamo parlando di rapporti con i propri cari, con un marito, atteggiamento nei confronti della maternità.

Ricorda che il desiderio di diventare la mamma perfetta è un percorso verso un deterioramento dello stato emotivo. 

Depressione postpartum: come riconoscerla e come ristabilire l'equilibrio psicologico dopo il parto - Mia Gravidanza

Come si manifesta la depressione postpartum ?

La nascita di un bambino, ovviamente, porta emozioni gioiose. Tuttavia, i genitori dovrebbero essere preparati al fatto che ora la famiglia sta giocando secondo le sue regole. Il modo di vivere è ora dettato dal bambino. La mamma è costretta a rimandare il suo precedente ruolo sociale, la sua solita cerchia sociale e il tempo libero. Lo stress accumulato può tradursi in un disturbo postpartum. A seconda della sua tipologia, si manifesta anche in modi diversi:

1. Baby blues

Questo è uno stato temporaneo di adattamento e ristrutturazione a un nuovo ruolo. Dal 50 al 70% delle donne affronta questa condizione. Può andare via da solo, ma necessita di attenzione. In questo caso, non puoi fare a meno dell’aiuto qualificato di uno psicologo e uno psichiatra.

Sintomi: umore instabile, leggera depressione o, al contrario, euforia, disturbi del sonno, stupore emotivo, mancanza di sentimenti per il bambino, sensazione di abbandono, solitudine, delusione nella maternità. 

2. Depressione postpartum

Circa il 10-15% delle donne lo affrontano. Questa è una diagnosi clinica fatta da un medico. 

Sintomi: umore depresso, apatia, perdita di interesse per la vita, frequenti scoppi di rabbia irragionevole, disturbi alimentari (mancanza di appetito o, al contrario, eccesso di cibo, perdita di peso o aumento di peso), disturbi del sonno non correlati al programma di sonno del bambino (cioè indipendentemente indipendentemente dal fatto che il bambino dorme o no), perdita di energia, senso di colpa e sensazione di propria inutilità / impotenza, problemi di memoria, attenzione, attacchi di ansia / paura per il bambino, pensieri di morte / suicidio.

3. Psicosi postpartum

La violazione più grave di quanto sopra. Questa è una condizione grave che richiede ricovero in ospedale e farmaci.

Sintomi: allucinazioni, idee dolorose, paranoia associata a eventi recenti (come il parto).

I disturbi postpartum non fanno eccezione. La stessa saggezza popolare funziona qui: prevenire è più facile che curare. Non ignorare le tue domande e preoccupazioni: chiedi aiuto! Prima di tutto, ai tuoi cari o ad un professionista. Qualcuno che può parlarti, condividere i tuoi sentimenti e le tue esperienze.

Depressione postpartum: come riconoscerla e come ristabilire l'equilibrio psicologico dopo il parto - Mia Gravidanza

Come affrontare la depresione postpartum?

La maternità non è solo un bambino dalle guance rosee che tira le mani verso di te e dice “mamma”. C’è un altro lato della medaglia, che è la stanchezza, l’irritazione, la mancanza di sonno e persino la rabbia. 

Se ti senti come se avessi a che fare con la depressione postpartum o il baby blues, la prima cosa da fare è riconoscere che il problema esiste. In questa fase, molto probabilmente, sarà sufficiente discutere della condizione che si è verificata con tuo marito, fidanzata, madre, sorella. Se capisci che questo non è sufficiente, la condizione non sta migliorando, assicurati di contattare uno specialista. 

Concorda con i tuoi cari in modo che quando torni con tuo figlio dall’ospedale, il tuo tempo sarà dedicato solo a te e al bambino. Per quanto possibile, proteggiti dalle faccende domestiche e domestiche in modo da poterti sintonizzare sulla modalità di fusione con il bambino, di cui ha bisogno per formare attaccamento. Migliore è questo attaccamento, più calmo sarà il bambino e più opportunità e tempo avrai per te stesso. 

Vacanze – n eotemlemaya parte della lotta con il disturbo postpartum . Assicurati di avere un po ‘di tempo per te stesso. Puoi andare al negozio, fare una passeggiata, leggere il tuo libro preferito, bere il tè in silenzio. Hobby, attività divertenti, musica, ballo, canto, artigianato, film, lettura, arteterapia – anche 15 minuti al giorno per i tuoi hobby preferiti possono svolgere un ruolo chiave nella creazione del tuo umore.

Circondati di tutto ciò che ti rende felice. Fai un elenco di almeno 10 cose che ti piacciono e fallo almeno 1 al giorno.

Va bene se provi a prevedere tutti i cambiamenti in anticipo . Prova a metterti nel futuro e vedi come ti senti lì. E fai qualcosa oggi che ti semplificherà la vita in seguito!

Depressione postpartum: come riconoscerla e come ristabilire l'equilibrio psicologico dopo il parto - Mia Gravidanza

Vedere anche

La placenta accreta appare negli ultrasuoni?

La placenta accreta appare negli ultrasuoni?

La placenta è l’organo responsabile della fornitura di nutrienti al feto durante la gravidanza, ci …

Lascia un commento