Le date possono essere utilizzate per facilitare il parto?

Le date possono essere utilizzate per facilitare il parto?

Quando si tratta di parto, ogni donna vuole passare attraverso un processo facile e breve e dare alla luce un bambino sano e in salute, e in passato le nostre madri partorivano a casa naturalmente, e il parto era nella maggior parte dei casi facile e non ha avuto complicazioni e il segreto era dovuto alle ricette naturali che facilitano il parto Sentivamo parlare di consumo di olio di ricino, uova e altri alimenti che si credeva facilitassero il parto, come i datteri, che erano noti per aiutare riscaldare il travaglio, quindi è davvero possibile mangiare i datteri per facilitare il parto? Qual è la quantità che può essere consumata senza provocare un aumento del livello di zucchero nel sangue? Scopri la risposta in questo articolo.

I datteri vengono usati per facilitare il parto?

Numerosi studi medici sono stati condotti per studiare l’effetto dei datteri durante il travaglio e il parto, ei suoi risultati hanno indicato che ha un effetto simile all’ossitocina (l’ormone secreto prima del parto) nel corpo, che porta a stimolare  le contrazioni uterine e ridurre le possibilità di emorragia postpartum.

I datteri contengono acidi grassi saturi e insaturi, come gli acidi oleico, linoleico e linolenico, che contribuiscono alla formazione delle “prostaglandine”, sostanze che aiutano a stimolare il travaglio e ad ammorbidire la cervice in preparazione al parto. Inoltre, alcune sostanze in i datteri, come la serotonina, il tannino e il calcio, aiutano sulla contrazione della muscolatura liscia dell’utero e, poiché hanno un effetto lassativo, stimolano le contrazioni uterine e accelerano il travaglio.

Tre studi medici separati indicano che mangiare datteri durante la gravidanza può aiutarti ad iniziare il travaglio e il travaglio più facilmente, e secondo questi studi è stato scoperto che le donne che hanno consumato datteri per quattro settimane prima della loro possibile data di parto hanno avuto i seguenti effetti:

  • Il 74% aveva una cervice dilatata, rispetto a coloro che non l’hanno presa.
  • Il 21% è entrato in travaglio naturalmente.
  • Il 28% aveva meno probabilità di usare l’ossitocina per indurre il travaglio.
  • Il 77% non ha raggiunto la prima fase del lavoro.

Un altro studio, condotto sull’effetto del consumo di datteri nella tarda gravidanza, ha indicato che mangiare datteri riduce le possibilità di un parto cesareo. Quindi, in sintesi, puoi, cara, mangiare i datteri per facilitare il parto, ma dopo aver consultato il tuo medico.

La quantità di date per facilitare il parto

Negli studi che abbiamo menzionato in precedenza, le donne incinte hanno iniziato a mangiare 70-75 grammi di datteri essiccati al giorno tre o quattro settimane prima della data di nascita prevista, equivalenti a 6 datteri di medie dimensioni al giorno, e ovviamente puoi iniziare a mangiare i datteri presto gravidanza se vuoi, ma tieni presente che è ricco di zuccheri, quindi se soffri di un livello di zucchero nel sangue anormale , è sconsigliato consumarlo in grandi quantità dall’inizio della gravidanza, in quanto non stimola le contrazioni uterine anche.

Puoi bastare da due a tre esercizi al giorno nel primo e secondo trimestre di gravidanza, e mangiare sei datteri al giorno a partire dalla 36a settimana di gravidanza, ed è preferibile prenderlo in base al peso, cioè mangiare 75 grammi al giorno, ma se è difficile per te pesare, mangia sei datteri medio-piccoli, Per quanto riguarda i frutti di grandi dimensioni, come alcuni tipi di datteri, il più famoso dei quali sono i datteri “Medjool”, che hanno una lunghezza di circa cinque centimetri, in modo che si accontenti di tre date al giorno. Ovviamente, il modo più semplice per mangiare i datteri è mangiarli come frutta secca e puoi mangiarli nella stessa quantità che abbiamo menzionato, ma nei seguenti modi:

  • Metti in ammollo sei piccoli datteri in una tazza di latte per almeno due ore e mescolali in un frullatore per ottenere un frullato e puoi filtrarli se hai difficoltà a mangiarli.
  • Tritate sei datteri a pezzetti, aggiungeteli alla pastella per mug cake e fateli cuocere nel microonde in pochi minuti.
  • Trita 75 grammi di datteri a pezzetti e mescolali con una tazza di avena bollita, una tazza di yogurt, un cucchiaio di uvetta e un cucchiaino di miele, per ottenere una colazione completa.

In conclusione, mia cara, mangiare datteri per facilitare il parto non è solo una credenza, ma un fatto confermato da studi scientifici, e se questa è la prima volta che mangi datteri secchi, prova a mangiare prima un frutto, per fare sicuro che non ti provochi un’allergia, e ti consigliamo anche di lavarlo bene con acqua dall’esterno e dall’interno.

Vedere anche

Quali sono le cause dell'ormone della gravidanza alto dopo un aborto spontaneo?

Quali sono le cause dell’ormone della gravidanza alto dopo un aborto spontaneo?

L’aborto è un’esperienza crudele per ogni donna che ha avuto un aborto spontaneo, ma non …