In spiaggia con un bambino: sul riposo in domande e risposte da un pediatra

In spiaggia con un bambino: sul riposo in domande e risposte da un pediatra

Preparare una valigia e ricordare le regole di sicurezza

Alle soglie dell’estate con MiaGravidanza! Tutti, in un modo o nell’altro, pensano al riposo, ma qualcuno ha pianificato e organizzato da tempo un viaggio estivo. Emozionanti sentimenti di attesa sono spesso offuscati dalle ansie dei genitori, perché la questione di preparare il bambino per la stagione balneare è molto seria e responsabile. Abbiamo andato dal pediatra per chiedere se è possibile andare con il bambino al mare, se è possibile nuotare, se il cambiamento climatico farà male e cosa portare con te.

A che età è consigliato per un bambino rilassarsi in mare?

– Se il bambino è sano, puoi riposarti in mare fin dai primi mesi di vita. Raccogli un kit di pronto soccorso, acquista un’assicurazione aggiuntiva, porta più giocattoli e pannolini: come dare la priorità qui se la tua testa gira a causa del numero di momenti preparatori.

Come preparare il tuo bambino per una vacanza al mare?

– Il riposo è senza dubbio un momento per ripristinare le risorse del corpo di genitori e figli, un momento di relax. Ma come rilassarsi se ci sono tante paure dietro ogni angolo?

Se il bambino è più grande, è necessario spiegare in anticipo le regole di comportamento in spiaggia e in mare (un altro specchio d’acqua). È possibile avviare le procedure di indurimento con acqua in anticipo. Se devi andare al mare per la prima volta, puoi parlare in anticipo ai bambini del mare, mostrare il video in modo che possano immaginare e non avere paura.


Non dimenticare che il bambino deve essere vaccinato per età. E se vai in paesi esotici, se necessario, fatti vaccinare in anticipo contro malattie comuni in un determinato paese.

In spiaggia con un bambino: sul riposo in domande e risposte da un pediatra - Mia Gravidanza

Cosa devi mettere in valigia?

– Stiamo già facendo le valigie, gli abiti di mia madre non vanno bene, cosa devo lasciare a casa: una pentola, un secchio e una spatola, metà dei cosmetici? La cosa principale è, niente panico! Cosa deve essere in una valigia:

  • acqua e merenda;
  • crema solare;
  • repellente per insetti;
  • cappelli e cambio di vestiti;
  • un piccolo kit di pronto soccorso (perossido, benda, cerotto, antistaminico, antipiretici, farmaci che tuo figlio prende tutto il tempo).

Quindi siamo già in mare. Cosa dovrebbero ricordare i genitori di una vacanza al mare?

– Prima di tutto pensiamo alle regole di sicurezza: in acqua il bambino deve essere a distanza di un braccio da te e sempre in vista. ricordare i pericoli della radiazione UV, la prevenzione dei colpi di sole / di calore, le possibili traumatizzazioni dei bambini.

Acclimatazione: è una minaccia per tutti i bambini e come sopravvivere?

– L’acclimatazione dipende dai seguenti fattori:

  • temperatura: il corpo umano, in particolare bielorusso, russo, si adatta facilmente a un brusco cambiamento di temperatura. Ad esempio, in inverno usciamo di casa, dove + 20-25, per strada, dove -10-15. Di regola, non ci sono problemi con questo.
  • umidità: se prevedi di riposare in un paese con aria più secca, questo può causare mal di naso, gola, dovresti inumidire le mucose con soluzione salina. Se vai al mare, dove l’aria è più umida, può aumentare la secrezione di muco dal naso, che può portare a naso che cola e tosse. Molte persone confondono questa manifestazione di acclimatazione con il comune raffreddore;
  • bioritmi: cambiare fuso orario è forse il momento più importante e difficile dell’adattamento. Maggiore è la differenza di tempo, più tempo impiega il corpo, soprattutto per i bambini, ad acclimatarsi.
  • aereo: spazio limitato, accumulo di virus, funzionamento del condizionatore d’aria, motivo per cui la mucosa si asciuga. Tutti questi fattori possono portare allo sviluppo di infezioni;
  • il sole: il nemico più pericoloso. Monitorare l’indice UV, evitare un’eccessiva esposizione al sole, utilizzare creme solari, bere più acqua;
  • infezioni: osservare le regole dell’igiene personale, lavarsi accuratamente le mani, la frutta, la verdura, sciacquare il naso con soluzione salina, bere acqua in bottiglia, evitare la folla di persone sulla spiaggia, nuotare meglio al mattino, allontanare dal cibo mosche e altri insetti.

Ma bere in anticipo vitamine o farmaci per la prevenzione è una misura non necessaria!
In spiaggia con un bambino: sul riposo in domande e risposte da un pediatra - Mia Gravidanza

E il sole? Qual è il modo migliore per proteggere il tuo bambino e quale rimedio scegliere?

– Camminare con il tuo bambino in una giornata di sole è meglio la mattina prima delle 11 e nel tardo pomeriggio, dopo le 17, quando il sole non è così attivo. Puoi anche camminare durante il giorno, ma all’ombra. Assicurati di indossare un cappello, applica una protezione solare con SPF 30 o 50. La

protezione solare per i bambini deve contenere fattori di protezione fisica (ossido di zinco, biossido di titanio). I fattori chimici non sono pericolosi, non c’è bisogno di averne paura, soprattutto se aiutano bene e non c’è reazione allergica ad essi. Come usarlo? Tutto è individuale, mi piacciono di più i latticini, si assorbono meglio.

E se si verifica un’allergia?

– Fotodermatosi – quindi nella terminologia medica è chiamata allergia al sole. È più comune nei bambini dei primi tre anni di vita. I sintomi allergici compaiono quando i raggi ultravioletti interagiscono con un determinato reagente che si trova nel corpo del bambino. Queste sostanze sono chiamate fotosensibilizzanti. Il sole è solo una specie di catalizzatore. Agendo sulle sostanze estranee accumulate nella pelle, innesca una catena di reazioni immunitarie insolite.

I genitori dovrebbero essere consapevoli dei sintomi dell’allergia solare:

  • arrossamento della pelle;
  • prurito, formicolio o bruciore;
  • piccola eruzione cutanea rossastra;
  • gonfiore della pelle;
  • peeling.

Anche piccole vesciche possono comparire in bambini particolarmente sensibili. Considera sempre l’opportunità di consultare uno specialista durante le tue vacanze, se necessario.
In spiaggia con un bambino: sul riposo in domande e risposte da un pediatra - Mia Gravidanza

Come comportarsi in spiaggia? Avvolgere il tuo bambino in un asciugamano dopo il bagno?

– È meglio essere in spiaggia prima di pranzo e verso sera, quando il sole non è così attivo. È bello avere un ombrellone o un’ombra. Applicare la crema solare secondo le istruzioni: di regola, dovrebbe essere applicata prima di uscire e ripetuta ogni 2 ore. Se il bambino è uscito dall’acqua e non ha freddo, sarà sufficiente immergerlo con un asciugamano. Se è rimasto a lungo in acqua, è meglio avvolgerlo in un asciugamano e lasciarlo scaldare. Vale la pena indossare abiti asciutti quando il bambino non sta più andando a nuotare e, nel frattempo, è meglio riscaldarsi con un asciugamano.

Ci siamo adattati al mare e ho tanta voglia di nuotare! Qual è il modo migliore per nuotare ea quale temperatura dell’acqua?

– Si può fare il bagno in qualsiasi specchio d’acqua (fiume, lago, mare, oceano, piscina) in cui il bagno è consentito dal servizio sanitario. Temperatura confortevole:

  • in mare, fiume + 23-26 °
  • nella vasca baby + 30 °

Pannolini per il nuoto: sono necessari? Sai nuotare nudo?

– Per i bambini che non vanno ancora al vasino da soli, un pannolino da nuoto è d’obbligo! Questo è necessario per mantenere una buona igiene. Il nuoto nudo è una scelta di ogni genitore. La mia opinione: è meglio che bambini e adulti nuotino in costume da bagno / costume da bagno / pannolini.
In spiaggia con un bambino: sul riposo in domande e risposte da un pediatra - Mia Gravidanza

I momenti fondamentali sono stati presi in considerazione, le valigie sono pronte, resta solo da portare con sé un ottimo umore. Auguriamo a tutti i nostri lettori un’estate di sole e buone vacanze! E infine – un foglietto del nostro medico per una nota alle mamme:

Kit di pronto soccorso per una gita al mare:

  1. Antipiretici, analgesici (ibuprofene, paracetamolo, forma e dosaggio pediatrici)
  2. Soluzione salina nel naso (acqua di mare, soluzione salina)
  3. Medicazioni (bende, cerotto, tovaglioli di garza, laccio emostatico, emostatico) e antisettici (perossido di idrogeno, clorexidina)
  4. Pacchetto ipotermico
  5. Antistaminici (orali e unguenti)
  6. Unguento antibatterico e unguento con ormone
  7. Gocce nasali vasocostrittori
  8. Gocce nelle orecchie, negli occhi
  9. Agente anti-ustione (dexpantenolo)
  10. Sorbenti (carbone attivo, smectite)
  11. Soluzione elettrolitica (per dissaldare)
  12. Forbici, pinzette, antizanosi, siringa
  13. Medicinali che tuo figlio assume regolarmente o potrebbe averne bisogno
  14. Crema solare, repellente, anti-cinetosi

Foto: unsplash.com

Vedere anche

Quali sono i benefici del litchi per una donna incinta?

Quali sono i benefici del litchi per una donna incinta?

Il litchi è un delizioso frutto tropicale, originario della Cina, ma può essere coltivato in …

Lascia un commento