Come si diventa il medico di tuo figlio?

Come si diventa il medico di tuo figlio?

Non c’è niente che occupi la tua mente più della salute del tuo bambino, la fornitura di una corretta alimentazione per lui, il modo corretto di affrontarlo e prendersi cura di lui e la diagnosi precoce di eventuali problemi che potrebbe dover affrontare per affrontarli. Ora con Mia Gravidanza, puoi determinare quando devi andare dal dottore e quando puoi diventare tu stesso il medico di tuo figlio, seguendo alcune delle regole che ti presentiamo in questo articolo.

Diventa un medico per tuo figlio in questi casi:

Cura dell’ombelico e della zona del pannolino:

Assicurati di cambiare i pannolini non appena si bagnano e pulisci bene la pelle usando solo acqua e asciuga bene, ed evita di usare salviettine umidificate per pulire quest’area e applica uno strato di olio d’oliva o zinco, per evitare dermatite da pannolino e infiammazioni. Inoltre, fare attenzione a disinfettare i resti del cordone ombelicale con alcol quando si cambia il pannolino e non dimenticare di applicare i colliri consigliati dopo la nascita per 10 giorni.

Vomito e diarrea in un bambino che allatta:

Non preoccuparti di vomito, diarrea, costipazione, tosse o calore se si tratta di una condizione transitoria e non continua e non influisce sulla crescita, il peso, la salute o lo sviluppo mentale o motorio del tuo bambino ed è preferibile astenersi dal somministrargli antibiotici per non indebolire la sua immunità.

Non somministrare alcun trattamento per la diarrea lieve che dura al massimo uno o due giorni, non supera le 5 volte al giorno e non è completamente liquida, perché spesso è dovuta alla dentizione o all’introduzione di un nuovo tipo di alimento e lascia che espelle le cellule contaminate dall’intestino, ma compensa con una soluzione di reidratazione.

Il bambino non ha bisogno di sospendere le soluzioni a meno che il vomito non sia continuo e includa anche la soluzione di reidratazione che ha preso nonostante le iniezioni per prevenire il vomito, ed è pericoloso se accompagnato da sangue, crampi, dolore addominale o grave disidratazione.

Coliche e costipazione in un bambino che allatta:

Assicurati di massaggiare il tuo bambino per evitare coliche e costipazione ed evitare di cambiare il tipo di formula o di dargli tipi di alimenti che il suo stomaco non può tollerare durante lo svezzamento, perché questo lo rende più vulnerabile alla stitichezza.

Puoi trattare la stitichezza usando olio di ricino, olio d’oliva e supposta di glicerina, ma rivolgiti a un medico in caso di stitichezza cronica accompagnata da sangue nelle feci o reflusso costante con dolore addominale.

La tosse di un bambino:

La tosse di solito scompare entro due settimane o meno dall’infezione e raramente è motivo di preoccupazione, tranne in alcuni casi di cui vi parleremo oggi, quindi dovete essere consapevoli delle cause della tosse persistente e della tosse nei neonati, insieme a prescrizioni naturali per il trattamento della tosse nei neonati e alcuni importanti consigli Per trattare e ridurre la tosse nei neonati.

Rivolgiti a un allergologo se il tuo bambino tossisce molto, emette un suono innaturale dal petto o sibila, anche se non è esposto ad alcun allergene, come fumo, profumo o polvere.

L’alta temperatura di un bambino:

La temperatura media normale per il corpo di un bambino è di 37 gradi Celsius, poiché la temperatura varia tra 36,3 gradi Celsius al mattino presto e al risveglio dal sonno e 37,6 gradi Celsius a metà giornata e quando lo sforzo del bambino raggiunge il suo massimo. Se la temperatura supera i 38 ° C, la temperatura elevata del bambino deve essere  affrontata prima di andare dal medico .

Quando dovresti consultare un medico quando la temperatura di un bambino aumenta?

  1. Quando la temperatura del tuo bambino è inferiore a 3 mesi, 38 ° C o più.
  2. Quando la temperatura del tuo bambino tra i tre ei sei mesi è di 39 ° C o superiore.
  3. Il bambino ha la febbre da più di 5 giorni.
  4. Se il bambino ha convulsioni.
  5. La presenza di altri sintomi associati alla febbre, come macchie sulla pelle o difficoltà respiratorie.

Come agire in caso di emergenza:

È molto importante avere un kit di pronto soccorso per il tuo bambino, averlo a portata di mano. E dovresti anche conoscere il  primo soccorso più importante per tuo figlio , come comportarsi in caso di emergenza, fino a quando non vai in ospedale.

Per evitare malattie che possono affliggere tuo figlio e prendersi cura della sua salute, devi fornirgli una corretta alimentazione.

Alimentazione ideale per il bambino:

  • Assicurati di allattare al seno nel primo periodo dopo la nascita ed evita l’alimentazione artificiale e le “bevande per bambini” o il glucosio, e non preoccuparti, il latte scenderà al tuo bambino con ripetute suzioni.
  • Trasporta il tuo bambino di età inferiore a 1 mese con cautela, facendo attenzione a non baciarlo in bocca o scuoterlo troppo forte perché ha bisogno di un trattamento speciale.
  • Non preoccuparti per le coliche e il reflusso nel tuo bambino, poiché sono cose normali che non vale la pena temere nei primi quattro mesi, aiutalo a ruttare due volte in ogni poppata e tienilo sollevato a testa e petto a un angolo di 45 gradi dopo aver mangiato per mezz’ora, ma vai dal medico se il reflusso colpisce Ingrassare.
  • Non dargli acqua prima di aver raggiunto l’età di quattro mesi, perché riceve abbastanza acqua dall’allattamento al seno e astenersi dal nutrirlo prima del quarto mese, o dal dargli qualsiasi tipo di latte tranne il latte materno o il latte artificiale solo prima che raggiunga il primo anno di vita.
  • Inizia alimentando il tuo bambino con purea di verdure, poi frutta, poi tuorli d’uovo, carni macinate bianche e rosse nel robot da cucina e padroneggia la diversificazione di cibi e sapori e dagli un piatto con cui giocare, divertirsi e mangiare da un altro piatto.
  • Inizia a dargli da mangiare yogurt, formaggio e latticini dall’ottavo mese, a meno che non sia dimostrato che esiste una storia di allergie familiari a loro.
  • Non dargli succhi fino a dopo 6 mesi ed è sufficiente per un massimo di 120-170 ml al giorno, e stare completamente alla larga dal miele prima che compia un anno.
  • Dagli le dosi necessarie di vitamina “D” ed esponilo alla luce solare ogni giorno al mattino presto Non esitare a fare un test del calcio se è in ritardo a sedersi, camminare o muoversi. Se non noti alcun miglioramento, vai all’esame perché potrebbe essere dovuto ad atrofia del cervello, dei nervi o dei muscoli.

Infine, la madre è il primo medico per il suo bambino, ma alla fine il pediatra rimane la fonte a cui fare riferimento per ottenere una consulenza medica corretta e affidabile sulle condizioni del bambino.

Ulteriori informazioni sulle cure e le esigenze del tuo neonato nei primi mesi di vita visitando la sezione “Bambini” in “Mia Gravidanza”.

Vedere anche

Informati sulle complicazioni alla nascita e sulle loro cause

Informati sulle complicazioni alla nascita e sulle loro cause

Ci sono alcune complicazioni che possono verificarsi alla madre o al feto, o entrambi, durante …