4 chiari sintomi di un'ernia dopo un taglio cesareo

4 chiari sintomi di un’ernia dopo un taglio cesareo

Dopo un parto cesareo, molte donne sono preoccupate per la comparsa di un’ernia e si interrogano sui sintomi di un’ernia dopo un taglio cesareo. In questo articolo vi diciamo qualcosa sulle ernie e sui loro sintomi.

Ernia dopo taglio cesareo

Un parto cesareo comporta l’esecuzione di un’incisione o un’incisione negli strati dell’addome e dell’utero per espellere il feto a causa dell’impossibilità di un parto normale .

Uno dei rari rischi di un parto cesareo è un’ernia, che è chiamata ernia incisionale, poiché i muscoli della parete addominale si indeboliscono e si verifica un’ernia quando una parte dell’intestino o dello stomaco spinge fuori dalla parte debole, formando un nodulo.

Le possibilità di sviluppare un’ernia aumentano nei casi di obesità, un grosso taglio cesareo, diabete materno, costipazione cronica, tosse cronica o nel caso di una storia di ernia.

Sintomi di un’ernia dopo un taglio cesareo

Il primo sintomo di un’ernia è una protrusione adiacente o vicino al sito dell’incisione.

La protuberanza può essere piccola come un’uva o grande e può cambiare posizione o aumentare di dimensioni nel tempo.

A volte un’ernia si avverte e non si vede, a volte viene notata dallo stesso colore della pelle e può apparire in determinate posizioni, ad esempio durante la tosse o quando ci si piega in avanti, o quando ci si alza in piedi o quando si fa uno sforzo fisico come sollevare qualcosa sopra la testa.

Le ernie possono svilupparsi nel corso degli anni e vengono notate insieme a una cicatrice della ferita.

A volte un’ernia viene strangolata o contratta quando il tessuto sporgente dello stomaco o dell’intestino si blocca, interrompendone l’afflusso di sangue. È una situazione di emergenza che richiede un intervento chirurgico ei suoi sintomi sono:

  1. Sensazione di dolore crescente allo stomaco o all’intestino.
  2. Dolore a fianco di un’ernia.
  3. Vomito, nausea e costipazione.
  4. Gonfiore e arrossamento del luogo.

Quindi, ogni caso in cui ti sottoponi a un taglio cesareo seguito da problemi digestivi è una situazione di emergenza.

Cos’è un’ernia?

L’ernia è una condizione in cui un organo viene spinto attraverso un’apertura nel tessuto o muscolo che lo contiene e rimane in posizione, come una sporgenza di una parte dell’intestino attraverso i muscoli della parete addominale indeboliti dall’incisione chirurgica, come abbiamo detto.

Molti tipi di ernie si verificano nell’addome e possono verificarsi nella parte superiore della coscia o tra le cosce.

La maggior parte delle ernie non sono pericolose per la vita, ma non vanno via da sole e potrebbero richiedere un intervento chirurgico per evitare che peggiorino, o semplicemente aspettare, guardare e indossare una cintura per ernia.

Potrebbe non mostrare alcun sintomo di ernia [o] è apparso durante alcune attività fisiche o dall’esame del medico, e può apparire un nodulo nell’area interessata senza sensazione di comfort o dolore, e la condizione può peggiorare fino a essere pericolosa per la vita, quindi è necessario cercare un aiuto medico urgente in caso di temperatura elevata, dolore improvviso o vomito E nausea.

Tipi di ernia

  • Ernia inguinale: è il tipo più comune, poiché una porzione dell’intestino sporge attraverso la parete della zona addominale inferiore ed è più comune tra gli uomini.
  • Ernia iatale: è normale che il diaframma abbia un’apertura attraverso la quale passa l’esofago e rivestita di muscoli per sostenere l’esofago, ma nel caso di un’ernia iatale, lo stomaco può attraversare questa apertura per debolezza muscolare e l’ernia si verifica e alcuni sintomi come reflusso, bruciore di stomaco e vomito compaiono frequentemente.
  • Ernia ombelicale: l’ombelico sporge a causa di una sporgenza di parte dell’intestino attraverso la parete addominale nella regione ombelicale. Si verifica frequentemente nei bambini e nei neonati, specialmente durante il pianto.
  • Ernia addominale: il tessuto sporge attraverso la parete addominale, anche se a seguito di un’incisione viene chiamata ernia incisionale.

Sintomi di interventi chirurgici di ernia

L’ernia incisionale può comparire del 15-20% dopo interventi chirurgici addominali che coinvolgono l’incisione.

L’incidenza dell’ernia aumenta con alcuni fattori come:

  • Infezione della ferita.
  • La presenza di una condizione medica come insufficienza renale, diabete, malattie polmonari, tosse cronica o costipazione cronica.
  • Obesità e fumo.
  • Storia familiare di ernia.
  • Sollevare un carico pesante prima che la ferita sia guarita o tornare alle attività fisiche violente prima che il recupero sia completo.
  • Gravidanza e aumento delle dimensioni dell’addome prima che la precedente ferita cesareo guarisse .

I sintomi degli interventi chirurgici di ernia includono:

  • Il sintomo più importante: la protuberanza sporgente vicino al sito dell’operazione e il suo aspetto aumenta con la tosse o la posizione eretta, e può essere reversibile e il paziente può restituirlo all’interno, oppure non è reversibile.
  • Sensazione di prurito o bruciore vicino alla ferita.
  • Febbre alta, vomito e nausea.
  •  Dolore addominale o fastidio intorno alla ferita
  • Costipazione, feci sottili e talvolta diarrea.
  • Frequenza cardiaca aumentata rispetto al normale.

Un’ernia incisionale può comparire da 3 a 6 mesi dopo l’operazione, o prima o anni dopo.

Alla fine, è imperativo prestare attenzione ai sintomi di un’ernia dopo un taglio cesareo e consultare immediatamente il medico, in modo che possa indirizzarti rapidamente al comportamento corretto e prevenire eventuali complicazioni.

Vedere anche

Quali sono le vitamine che aiutano a concepire un audace?

Quali sono le vitamine che aiutano a concepire un bambino?

La medicina dimostra oltre ogni ragionevole dubbio che il sesso del feto è determinato dal …

Lascia un commento