Tecniche di respirazione durante il parto

Tecniche di respirazione durante il parto

“Non dimenticare di respirare.” Può sembrare il consiglio più inutile. Respiriamo ogni secondo della nostra vita, ma ci sono tecniche di respirazione che aiutano a ridurre i dolori del travaglio, le contrazioni e la spinta nel momento sbagliato.
Respirare durante il parto ti gioverà molto, ma devi praticarlo molto prima del parto, può sembrare difficile, soprattutto perché a volte la cosa più difficile da fare è azionare la lavatrice, ma è importante praticare queste tecniche fino a padroneggiarle quando praticarle diventa necessario.

Respirazione nei primi momenti della nascita

Inspirate ed espirate lentamente durante ogni contrazione. Cercate di mantenere un ritmo regolare e di mantenere l’espirazione a lungo, se non un po ‘più a lungo della vostra inspirazione. Affidatevi a contare attraverso ogni respiro – inspirate fino a tre ed espirate fino al numero quattro – e respira Naso, espira attraverso la bocca.

Respirazione durante il travaglio attivo

All’inizio di ogni contrazione, respira come se fosse un lungo sospiro, quindi cerca di mantenere il ritmo del respiro lento, inspirando attraverso il naso ed espirando attraverso la bocca.
Man mano che i crampi peggiorano, potresti sentire il bisogno di respirare più velocemente e più leggero, ma non aumentarlo.
Durante l’altezza delle contrazioni può aiutarti a sopportarle ansimando, come un cane, con questa inspirazione ed espirazione attraverso la bocca, con un respiro più profondo ogni pochi respiri circa.
Man mano che le contrazioni diminuiscono, rallenta di nuovo la respirazione, in modo da tornare a respirare lentamente e regolarmente alla fine delle contrazioni.

Respirazione durante la fase di transizione

Quando ti avvicini alla fase di transizione, potresti sentire il bisogno di spingere, ma hai un disperato bisogno di resistere a questa sensazione, fino a quando il tuo medico non ti dà il via libera, se non sei completamente dilatato in preparazione al parto, allora potresti farti un grande danno cercando di spingere il tuo bambino presto Il tuo medico ti chiederà di non spingere e potrebbe consigliarti il ​​modo migliore per respirare a questo punto, ma ansimare e sbuffare quando espiri può essere di grande aiuto. Per farlo a casa – prova questa routine di “ansimare, ansimare, poi soffiare”.

Respirazione durante il parto

A meno che il tuo medico non ti dica diversamente, non trattenere il respiro quando spingi, perché è facile che i vasi sanguigni esplodano in faccia, il che non starà bene in quelle prime foto con tuo figlio, e in casi estremi potrebbe causare un buco nel tuo polmone – Dio non voglia.
Quando inizia ogni contrazione, inspira ed espira delicatamente, quindi quando senti il ​​bisogno di spingere, fai un respiro profondo, posiziona il mento sul petto e inspira o espira lentamente quando premi verso il basso, cerca di seguire ciò che il tuo corpo ti dice, a meno che tu non prenda un Epidural Il tuo corpo spingerà da solo, indipendentemente dal tuo respiro.
Mantieni il pavimento pelvico il più rilassato possibile e spingi tra le gambe, invece di mantenere la tensione in gola, collo o viso, dovresti spingere circa quattro volte ad ogni contrazione, quindi non dimenticare di fare un grande respiro prima di ogni spinta, alcune donne fanno piccole e frequenti spinte, Dovresti essere spontaneo piuttosto che organizzare respiri profondi – a meno che tu non stia facendo un’epidurale, non saresti in grado di sentire la spinta.
Quando appare la testa del tuo bambino, il medico potrebbe chiederti di smettere di spingere e iniziare ad ansimare – questo ti aiuterà a rallentare un po ‘e prevenire la lacrimazione.

Vedere anche

Quando esce l'uovo dopo l'ago di sabbiatura?

Quando esce l’uovo dopo l’ago di sabbiatura?

L’ago esplosivo o l’iniezione di HCG è un metodo di trattamento utilizzato con altri farmaci …

Lascia un commento