Ritenzione idrica (edema)

Ritenzione idrica (edema)

La ritenzione di liquidi, gonfiore o “edema” colpisce il 65% delle donne incinte sane con una pressione normale ragionevole. Può accadere in qualsiasi momento durante la gravidanza, ma è stato comune negli ultimi tre mesi di gravidanza. Perché alla 32a settimana, la circolazione sanguigna della donna sale al 50% per soddisfare le esigenze di crescita del feto, il che aiuta con la ritenzione di liquidi o il gonfiore. A volte gli alti livelli di ormoni in gravidanza causano ritenzione di liquidi.

Il gonfiore è di solito alla gamba, alla caviglia, al piede e alle mani. Noterai che il tuo anello è diventato stretto e, a volte, te lo toglierai finché non avrai partorito. Alcune donne scoprono che i loro piedi hanno più o meno le dimensioni (o più) delle loro scarpe.

La ritenzione idrica è necessaria al corpo per idratarsi, il che lo aiuta ad allungarsi man mano che il bambino cresce. E aiuta a preparare il bacino e i tessuti per la nascita del bambino. L’aumento di acqua è circa il 25% del peso corporeo acquisito durante la gravidanza.

Quando si verifica il gonfiore durante la gravidanza?

Molti fattori influenzano il gonfiore in gravidanza. L’esposizione al caldo clima estivo, stare in piedi per lunghi periodi, bere molta caffeina e alti livelli di sodio sono i fattori più importanti che portano al gonfiore. Questo oltre ad esaurirti con le attività e non consumare potassio.

Cosa tratta il gonfiore in gravidanza?

Oltre a una dieta equilibrata e mangiare cibi che contengono potassio, come le banane, riducendo il rapporto di sodio (sale) nel mangiare ed evitando la caffeina, puoi superare il gonfiore in gravidanza evitando di stare in piedi per lunghi periodi e abbreviando i periodi di uscita nella stagione calda. Puoi anche alzare le gambe, rilassarti o nuotare. Puoi anche evitare indumenti stretti, soprattutto intorno al polso e alla caviglia. Indossa calze e vestiti. Indossa scarpe comode ed evita il più possibile i tacchi alti. Puoi lavorare impacchi freddi sulle zone gonfie e bere acqua, poiché rinfrescano e lavano il corpo e riducono la ritenzione idrica. Anche l’esercizio è importante. Nuota o fai yoga. Aggiungi alla tua dieta anice, sedano, cipolle, prezzemolo, melanzane, aglio e menta. Bevi acqua e assicurati di bere almeno 6-8 bicchieri di acqua al giorno. Dovresti bere così tanto anche se non soffri di ritenzione idrica.

Segnali preoccupanti

Esistono diversi tipi di gonfiore anormale. Se noti che sei gonfio mentre hai superato la ventesima settimana, la tua pressione deve essere misurata immediatamente dal medico. Se guadagni più di quasi un chilo (due libbre), questo è un segno di preeclampsia. La preeclampsia è nota per edema (ritenzione di liquidi), proteine ​​nelle urine e ipertensione. Anche le malattie renali possono causare gonfiore e un attacco di cuore può causare gonfiore. Il gonfiore irregolare può essere dovuto a un coagulo di sangue, sia esso nuovo o vecchio interessato. Pertanto, è molto importante consultare il medico.

Prospettive dopo la nascita

Il gonfiore non scompare facilmente dopo il parto. Il gonfiore del piede e della caviglia dura diversi giorni o anche due settimane. Potresti sentirti frustrato, ma dopo aver aspettato nove mesi, puoi aspettare un’altra settimana senza le tue scarpe alla moda e non ne avrai bisogno nemmeno quando allatti il ​​tuo bambino alle 3 del mattino.

Vedere anche

L'acido folico aiuta la riproduzione maschile?

L’acido folico aiuta la riproduzione maschile?

Mentre la maggior parte delle coppie è felice con il proprio neonato, sia maschio che …

Lascia un commento