Problemi di gravidanza: mancanza di respiro o respiro accelerato

Problemi di gravidanza: mancanza di respiro o respiro accelerato

Ci sono molti sintomi e problemi di salute che incontri durante la gravidanza, e il più importante di questi problemi sono problemi respiratori come mancanza di respiro o respirazione rapida, in questo articolo ti parleremo di questi sintomi, come puoi superarli, quando sono pericolosi e devi visitare il medico.

Cosa causa mancanza di respiro o respiro accelerato durante la gravidanza?

Nel primo trimestre di gravidanza, il tuo corpo inizia a sentire che ha bisogno di più ossigeno per nutrirlo correttamente, e con l’aumento della velocità dell’ormone progesterone, il risultato è una frequenza respiratoria rapida, che porta a mancanza di respiro o respirazione rapida, e questo è ciò che noti quando ti avvicini a qualsiasi semplice movimento quando Ti alzi o ti muovi nella stessa stanza.

Nell’ultimo trimestre di gravidanza, il feto aumenta di dimensioni e  inizia a fare pressione sul diaframma, questo riduce la possibilità di espansione polmonare, provocando questa sensazione di mancanza e difficoltà respiratorie, e questo è più difficile nei casi di gemelli o quando la quantità di liquido amniotico che circonda il feto aumenta .

Alla fine della gravidanza, solo pochi giorni prima della nascita, il bambino cade nel bacino in preparazione al parto e la difficoltà di respirazione diminuisce gradualmente fino alla data di nascita, quindi la respirazione ritorna come prima della gravidanza.

Come posso trattare la mancanza di respiro?

  • Tieniti sempre seduto in posizione eretta, per dare più spazio ai polmoni per respirare, poiché l’utero preme sul fondo del diaframma, quindi fai respirare il polmone per sollevarsi.
  • Alcuni dei cuscini extra ti gioveranno di notte e ti aiuteranno a respirare meglio.
  • Non devi fare molta fatica ed esaurirti in quel periodo, non appena ti rinnovi, acceleri il respiro, interrompi lo sforzo e riposi per riprendere fiato.
  • Un leggero esercizio durante la gravidanza ti aiuterà a ridurre la mancanza di respiro
  • Non preoccuparti, non durerà per sempre, e dopo il parto tornerai a quello che eri prima della gravidanza, e sappi che la respirazione rapida significa che tu e il tuo feto state prendendo abbastanza ossigeno.

Quando dovrebbe essere consultato un medico?

  • Nel caso in cui ti ammali di raffreddore o influenza, e la mancanza di respiro aumenta con essa, devi tornare dal medico per rassicurarmi sulla tua condizione e assicurarti che il bambino non abbia subito alcun danno, e in questo caso, molto probabilmente il medico ti prescriverà un vaccino antinfluenzale per evitare eventuali problemi che potresti incontrare in seguito.
  • Se hai avuto l’asma prima della gravidanza , dovresti informare il tuo medico fin dall’inizio, perché i sintomi associati all’asma, insieme alla mancanza di respiro, possono renderti più stanco o danneggiare il tuo bambino non ancora nato.
  • Se la pressione sanguigna aumenta durante la gravidanza, devi rivolgerti al medico, perché la pressione alta e difficoltà a respirare insieme possono portare a coaguli di sangue, e questa percentuale è molto debole, ma durante la gravidanza devi stare attento, quindi consulta il tuo medico in questo caso per controllare il tuo feto.
  • Quando compaiono sintomi associati alla mancanza di respiro, come pallore o tosse costante, e talvolta la tosse può essere accompagnata da sangue o dolore al petto, non tardare a chiedere il parere del tuo medico e parlargli di questi sintomi.

La gravidanza non è un periodo soddisfacente, ma una volta che sei appassionato della tua salute e di una corretta alimentazione e cerchi il medico nei momenti appropriati, proverai conforto e rassicurazione e accoglierai il tuo neonato in pace.

Vedere anche

Le emorroidi in gravidanza possono essere trattate con olio d'oliva?

Le emorroidi in gravidanza possono essere trattate con olio d’oliva?

Emorroidi significa che alcune delle vene nella zona anale si gonfiano dall’interno o dall’esterno. Le …

Lascia un commento