Esiste una relazione tra il graffio durante la gravidanza e il sesso del feto?

Esiste una relazione tra il graffio durante la gravidanza e il sesso del feto?

Ci sono molti cambiamenti fisici che possono accaderti durante la gravidanza, i problemi dermatologici sono tra i più famosi di questi cambiamenti, poiché potresti essere esposto a cambiamenti nel colore della pelle come l’oscuramento, il melasma e la comparsa di linee bianche, e potresti soffrire da infiammazione della pelle, prurito, arrossamento e smagliature e la pelle può diventare secca, questo accade. Principalmente a causa di disturbi ormonali e alcune donne associano questi sintomi, come i graffi, al sesso del feto, in questo articolo lo faremo conoscere la relazione tra graffi durante la gravidanza e il sesso del feto, e parleremo delle cause del prurito vaginale e dei modi per trattarlo.

Esiste una relazione tra il graffio durante la gravidanza e il sesso del feto?

Una delle vecchie voci dice che graffiare durante la gravidanza può essere la prova della gravidanza con un maschio, e ovviamente questo mito non ha basi scientifiche, perché graffiare durante la gravidanza è molto comune e ha molte ragioni, alcune delle quali sono:

  • Allungamento della pelle: la pelle si espande, soprattutto all’interno e intorno alla zona addominale, per accogliere l’aumento di volume dovuto alla gravidanza. Questo allungamento può causare un forte prurito, soprattutto se la pelle è secca, e provoca anche la comparsa di linee bianche.
  • Ormoni della gravidanza: l’ alto livello di estrogeni nel sangue può causare prurito nei punti in cui raggiunge il sangue, quindi alcune donne potrebbero avvertire prurito sui palmi delle mani, sulla pianta dei piedi e sul seno.
  • Sudore: le ghiandole sudoripare si attivano durante la gravidanza per regolare la temperatura corporea, quindi potresti sudare molto e questo sudore potrebbe farti sentire il bisogno di grattarti e potrebbe causare un’eruzione cutanea.
  • Eczema in gravidanza: i cambiamenti che si verificano nella tua immunità durante la gravidanza possono farti avere un eczema per la prima volta e se hai già avuto un eczema prima della gravidanza, le tue condizioni potrebbero peggiorare, quindi se noti che il prurito è associato a chiari cambiamenti della pelle come in caso di comparsa di eruzioni cutanee, desquamazione o infiammazione della pelle, consultare immediatamente il medico.
  • Sensibilità alla gravidanza: se il graffio è apparso negli ultimi mesi di gravidanza, ed è stato accompagnato da un’eruzione cutanea nella zona dello stomaco e poi spostato sulle cosce e poi sui glutei e sulle braccia, potresti soffrire di sensibilità alla gravidanza e spesso scompare da solo entro diverse settimane.
  • Colestasi in gravidanza: la stasi biliare in gravidanza provoca un forte prurito in tutto il corpo, in particolare mani e piedi, e non migliora nel tempo, non provoca eruzioni cutanee e può avere complicazioni pericolose, poiché può causare un travaglio prematuro.

Cause di prurito vaginale durante la gravidanza

Il prurito vaginale può verificarsi durante la gravidanza poiché è normale a causa di uno squilibrio ormonale, ma a volte può essere dovuto a motivi di malattia, poiché la tua immunità durante la gravidanza è più debole, ecco una ripartizione di questo:

  • Aumento delle secrezioni vaginali: le secrezioni vaginali normali aumentano durante la gravidanza a causa dell’alto livello di ormoni femminili e questo può causare prurito.
  • Secchezza vaginale: alcune donne incinte soffrono di secchezza vaginale, che può causare prurito.
  • Vaginite batterica: si verifica a causa di una mancanza di equilibrio tra batteri buoni e nocivi e provoca prurito, arrossamento e perdite vaginali maleodoranti.
  • Vaginite da lievito: i cambiamenti ormonali durante la gravidanza possono causare un’infezione da lievito, che causa prurito, infiammazione e secrezioni bianche dense.
  • Colestasi in gravidanza: può causare anche prurito vaginale.

Trattare il prurito vaginale durante la gravidanza

Il trattamento per il prurito vaginale dipende dal trattamento della causa, ecco una ripartizione di questo:

  1. Acqua fredda: se la causa del prurito vaginale è solo un disturbo ormonale o la disidratazione, l’acqua fredda può essere uno dei modi per alleviarlo.
  2. Il tagliere: l’ uso di una soluzione di lievito per dolci può lenire il prurito causato da secchezza, sensibilità o infezione, ma con altri medicinali.
  3. Antimicotici topici: se il prurito è causato da un’infezione fungina, una crema antimicotica topica o una supposta vaginale possono trattare il prurito.
  4. Antibiotici: se la causa del prurito è un’infezione batterica, il medico può prescrivere un antibiotico topico o orale.
  5. Cortisone topico: se la causa del prurito è sconosciuta o è allergica, il medico può prescrivere un cortisone topico.

In conclusione, dopo aver conosciuto la relazione tra il graffio durante la gravidanza e il sesso del feto, e conoscere le cause del graffio vaginale e del prurito, ti consiglio di consultare immediatamente un medico quando compare il prurito, soprattutto se aumenta nel tempo, come potrebbe esserci un problema serio come la colestasi in gravidanza.

 

Vedere anche

La secchezza vaginale è un segno di gravidanza?

La secchezza vaginale è un segno di gravidanza?

Se stai cercando di concepire, sarai attento a tutti i primi segni della gravidanza e …