7 modi per superare il nervosismo con il tuo bambino

7 modi per superare il nervosismo con il tuo bambino

Una madre che allatta è esposta a molte pressioni e problemi con il suo piccolo quando si prende cura di lui, allatta al seno, lo fa il bagno, cerca di controllare il suo programma di sonno e così via, oltre ai problemi personali che deve affrontare a causa delle pressioni lavorative, dei carichi domestici o dei bisogni del marito. Potrebbe persino scoprire che il suo nervosismo ha influenzato il suo bambino senza nemmeno rendersene conto. Come può una madre controllare il suo nervosismo nel trattare con il suo bambino? In questo articolo, parliamo di alcuni suggerimenti che ti aiuteranno a ridurlo.

A causa della natura dello stretto rapporto tra la madre e il suo bambino neonato e il riflesso della sua salute mentale sulla sua salute fisica, la madre deve tener conto di questa questione con la necessità di autocontrollo il più possibile nel caso in cui sia esposta a una delle situazioni che hanno portato al suo nervosismo, la cosa più importante è la salute del suo bambino e garantire la sua calma e sicurezza.

C’è danno al bambino dal nervosismo di sua madre?

Alcune madri credono che i neonati siano piccole creature che non sono consapevoli dei sentimenti di coloro che li circondano e non subiscono alcun danno psicologico dagli altri, ma la verità è che il bambino sente sua madre mentre prova paura e insicurezza in caso di disturbi intorno a lui. Il nervosismo e la tensione della madre fanno sì che il bambino si senta angosciato e gonfio se allattato al seno.

È noto che la calma e la pazienza sono due virtù che il bambino acquisisce dai suoi genitori, quindi se la madre è sempre irritabile e nervosa, allora suo figlio sarà influenzato da questo comportamento dalla giovane età fino a quando sarà grande, e anche le sue azioni e i suoi movimenti saranno intensi e nervosi.

Come gestisci tuo figlio nei periodi di nervosismo?

  1. Sappi all’inizio che tuo figlio non è colpevole di quello che stai attraversando e non dovrebbe essere accusato del prezzo delle tue reazioni di rabbia, anche se è lui la causa di esse, poiché è ancora giovane e non sa altro che il bisogno che tu gli stia vicino e ti tocchi per soddisfare i suoi bisogni nutrizionali o emotivi.
  2. Non ricorrere a urla contro di lui, non importa cosa, se sei nei guai perché non dormi o sei esausto, questo gli causerà paura e panico, e urlerà anche lui, e la questione si complicherà. Devi essere paziente e lasciarlo un po ‘per riprendere fiato, e sapere che il pianto del bambino non gli farà male e ciò che lo ferirà davvero è perdere la pazienza con lui, quindi tornare da lui dopo di che per completare il tuo mezzo ideale di provare e giocare con lui per scaricare gran parte della carica di tensione dentro di te.
  3. Il tuo bambino attende con impazienza le tue espressioni facciali quando gli parli e può tradurre le tue emozioni ed esserne influenzato, quindi non lasciare che il tuo cattivo umore influenzi il tuo modo di parlare e il tuo modo di trattarlo e fai del tuo parlare e giocare con tuo figlio un rifugio per superare le pressioni della vita e aumentare le sue esigenze.
  4. L’aiuto di tuo marito per aiutarti a portare il tuo piccolo e calmarlo per un po ‘di tempo, nel caso in cui perdi la pazienza perché tuo figlio non dorme o perché non sei in grado di spiegare il motivo del suo pianto continuo, in modo che il padre si abitui anche a trattare con il bambino.
  5. Nei luoghi che frequenti in casa, attacca fogli che ti ricordano frasi che ti supportano psicologicamente contro la rabbia, come “No al nervosismo”, “Sei più forte della rabbia” e “Mio figlio merita la mia calma”.
  6. Assicurati di dormire a sufficienza, in modo da poter controllare i tuoi nervi, poiché non avere abbastanza ore della giornata contribuirà ad aumentare la tensione e l’eccitazione.
  7. Ricorda che la madre è fonte di tenerezza, simpatia e sicurezza, e se senti di non essere all’altezza di tuo figlio in questi sentimenti, non esitare a consultare uno psicologo per aiutarti a superare questa questione e guidarti nel modo migliore per affrontare il tuo bambino nei momenti di nervosismo.

Se sei intollerante nei confronti del tuo piccolo, da oggi cerca di essere coerente e autocontrollato, poiché questo comportamento nervoso può influire anche sulla sua salute, comportamento e psicologia. In generale, la salute mentale ed emotiva della madre si riflette, sia essa positiva o negativa, sulla salute fisica del suo bambino.

Fonti:
Cosa aspettarsi
Genitori
webMD

Vedere anche

Qual è il rischio di aumentare la dose di vitamina "D" per una donna incinta?

Qual è il rischio di aumentare la dose di vitamina “D” per una donna incinta?

La vitamina “D” svolge un ruolo importante nella salute delle ossa, regolando l’equilibrio di calcio …

Lascia un commento