Qual è il rischio di infezione da rosolia?
Tutto quel che c'è da sapere sulla gravidanza

Qual è il rischio di infezione da rosolia?

La rosolia, la rosolia o il morbillo di tre giorni è un’infezione virale contagiosa nota come l’eruzione cutanea rossa distintiva e non assomiglia al morbillo. Sebbene condividano le stesse caratteristiche, inclusa l’eruzione cutanea rossa, la rosolia è causata da un virus diverso dal morbillo e non è così contagiosa. L’infezione da rosolia per una donna incinta è molto pericolosa e chiunque non sia stato vaccinato contro di essa è a rischio di contrarre la malattia se comunica con la persona con essa, quindi le donne devono assicurarsi di aver subito la vaccinazione contro la rosolia prima della gravidanza, in questo articolo discutiamo l’entità del rischio che la donna incinta venga infettata da questa malattia e i suoi sintomi , E come affrontarlo.

Morbillo tedesco per donne incinte

Se sei incinta e hai contratto la rosolia, le conseguenze per il feto possono essere gravi e in alcuni casi fatali, poiché circa l’80% dei bambini nati da madri che hanno contratto la rosolia durante le prime 12 settimane di gestazione nascono con la sindrome della rosolia congenita, così come le donne incinte Quelli con il morbillo tedesco sono a rischio di aborto spontaneo o di natimortalità ei loro bambini sono a rischio di gravi difetti alla nascita con conseguenze devastanti per tutta la vita. I difetti congeniti più comuni possono includere:

  • Sordità.
  • oscuramento della lente dell’occhio.
  • Difetti cardiaci.
  • Disabilità intellettuali.
  • Danni al fegato e alla milza.
  • Basso peso alla nascita.
  • Eruzione cutanea alla nascita.

Le complicazioni meno comuni possono includere:

  • Glaucoma o glaucoma.
  • Danno cerebrale.
  • Problemi alla tiroide e altri ormoni.
  • Infiammazione dei polmoni.

Il rischio per il feto aumenta durante l’infezione nel primo trimestre , tuttavia anche l’infezione nell’ultimo trimestre è pericolosa.

Sintomi della rosolia in una donna incinta

I sintomi della rosolia sono spesso così lievi che sono difficili da notare e quando compaiono, sono generalmente per due o tre settimane dopo l’esposizione al virus e durano da uno a cinque giorni e sono simili ai sintomi del raffreddore e includono:

  • Un leggero aumento della temperatura, intorno ai 102 F (38,9 C) o meno.
  • Mal di testa.
  • Blocco o naso che cola.
  • Occhi arrossati e irritati.
  • I linfonodi teneri alla base del cranio, la parte posteriore del collo e dietro le orecchie sono ingranditi.
  • Un’eruzione cutanea rosa che inizia sul viso e si diffonde rapidamente al tronco del corpo, quindi alle braccia e alle gambe, prima di scomparire nella stessa sequenza.
  • Artrite.

La rosolia può essere trasmessa quando una persona infetta starnutisce o tossisce, o attraverso il contatto diretto e attraverso le secrezioni respiratorie, come il muco, e può anche essere trasmessa dalle donne in gravidanza al feto attraverso il flusso sanguigno, quindi se hai intenzione di rimanere incinta, dovresti controllare il tuo programma di vaccinazione. Per assicurarti di aver ricevuto la tua tripla vaccinazione.

Analisi della rosolia per donne in gravidanza

Dato il rischio di infezione da rosolia durante la gravidanza, questo test viene solitamente eseguito per determinare se una donna incinta ha abbastanza anticorpi contro la rosolia per proteggerla o meno dall’infezione, o per scoprire un’infezione recente, e questo viene fatto rilevando gli anticorpi in un campione Il sangue e gli anticorpi sono proteine ​​prodotte dal tuo sistema immunitario per aiutare a combattere le infezioni e impedirti di ammalarti, e ce ne sono due tipi:

Il primo tipo

Appare quando è infettato dalla rosolia e dura dai 7 ai 10 giorni negli adulti, farai questo test se il tuo medico pensa che tu possa essere infetto ei risultati includono:

  • Positivo: questo dovrebbe significare che hai recentemente avuto la rosolia, ma il test potrebbe essere “falso positivo”. Potresti aver avuto un virus diverso che ha interagito con il test, quindi il risultato sarà confermato da ulteriori test.
  • Negativo: di solito significa che non sei infetto.            

Il secondo tipo

Questo tipo rimane nel flusso sanguigno per tutta la vita e la sua presenza significa che eri affetto dalla malattia o che hai ricevuto il vaccino in passato e che ora sei immune al virus, probabilmente ti sottoporrai a questo test per assicurarti di essere immunizzato contro l’infezione, ei risultati includono:

  • Un test positivo è 1.0 o superiore, il che significa che hai anticorpi contro la rosolia nel sangue che sono immuni a future infezioni.
  • Un test negativo è 0,7 o meno e significa che hai troppo pochi anticorpi, il che ti rende vulnerabile alle infezioni.

Un punteggio di 0,8 o 0,9 potrebbe significare che hai ricevuto di recente il vaccino e gli anticorpi non sono ancora comparsi nel sangue, quindi il medico potrebbe chiederti di ripetere il test.

 Farmaci per la stimolazione ovarica

Alcuni farmaci sono usati per regolare o stimolare l’ovulazione ed è il trattamento principale per le donne infertili a causa di disturbi dell’ovulazione.I farmaci per la fertilità generalmente funzionano come gli ormoni naturali, l’FSH e l’LH, ei farmaci per la fertilità possono includere quanto segue:

  • Il clomifene citrato (Clomid), assunto per via orale, stimola l’ovulazione stimolando la ghiandola pituitaria a rilasciare più ormone follicolo-stimolante e ormone luteinizzante.
  • Le gonadotropine, invece di stimolare la ghiandola pituitaria a rilasciare più ormoni, questi trattamenti iniettati stimolano direttamente le ovaie a produrre più uova.
  • Metformina. Utilizzata quando la resistenza all’insulina è una causa nota o sospetta di infertilità, di solito nelle donne con PCOS, la metformina aiuta a migliorare la resistenza all’insulina, che può migliorare l’ovulazione.
  • Il letrozolo appartiene a una classe di farmaci noti come inibitori dell’aromatasi e agisce in modo simile al clomifene. Il letrozolo può stimolare l’ovulazione, tuttavia, il suo effetto all’inizio della gravidanza non è ancora noto, quindi non viene usato così spesso come altri medicinali.
  • La bromocriptina può essere utilizzata quando i problemi di ovulazione sono causati dalla sovrapproduzione di prolattina (iperprolattinemia) da parte della ghiandola pituitaria.

Infine, ci sono anche alcune vitamine e integratori che aiutano a migliorare la fertilità e stimolare l’ovulazione, tra cui acido folico, olio di pesce, vitamina D e buoni prodotti probiotici. Assicurati di consultare il tuo medico prima di consumare una qualsiasi delle erbe naturali o integratori alimentari sopra menzionati .

Vedere anche

L'acido folico aiuta la riproduzione maschile?

L’acido folico aiuta la riproduzione maschile?

Mentre la maggior parte delle coppie è felice con il proprio neonato, sia maschio che …

Lascia un commento