Qual è l'effetto delle malattie autoimmuni sulla gravidanza?

Qual è l’effetto delle malattie autoimmuni sulla gravidanza?

Le malattie autoimmuni si verificano quando il sistema immunitario produce anticorpi anormali che attaccano il corpo stesso e le statistiche indicano che si verificano più comunemente nelle donne e, in caso di gravidanza, questi anticorpi possono attraversare la placenta e causare problemi al feto o causare un travaglio prematuro o preeclampsia. E l’aborto, quindi per molti anni, i medici consigliano alle donne con malattie autoimmuni di non avere figli, ma oggi le malattie autoimmuni e la gravidanza non sono in contraddizione, e le donne con loro hanno una gravidanza sana con cure mediche regolari durante la gravidanza, e in questo articolo ti diremo maggiori informazioni sui mesi più famosi. Malattie autoimmuni e le complicazioni più importanti durante la gravidanza.

Malattie autoimmuni e gravidanza

La malattia autoimmune è una condizione in cui il sistema immunitario attacca il corpo per errore. Normalmente, il sistema immunitario protegge il corpo dai germi e, non appena rileva corpi estranei, invia cellule immunitarie e anticorpi per attaccarli, il che significa che il sistema immunitario è in grado di distinguere tra cellule estranee e cellule del corpo stesso. Nelle malattie autoimmuni, commette un errore nel distinguere una parte del corpo, come articolazioni, pelle e altri, e la tratta come estranea e rilascia proteine ​​chiamate autoanticorpi che attaccano le cellule sane e alcune malattie autoimmuni prendono di mira solo un organo, come il diabete di tipo 1 Ciò danneggia il pancreas, mentre alcune altre malattie, come il lupus, colpiscono tutto il corpo.

Con la gravidanza le malattie autoimmuni possono causare gravi complicazioni, quindi prima di pianificarla è necessario consultare un medico, per valutare inizialmente la situazione, e determinare le precauzioni che devono essere prese in base al tipo di malattia e al suo sviluppo, e in generale, con le corrette cure mediche prima, durante e dopo la gravidanza, molte donne possono farlo. Con le malattie autoimmuni, la gravidanza e la procreazione in sicurezza, ti parleremo, cara, delle malattie autoimmuni più comuni e del loro impatto sulla gravidanza nel seguito.

Sindrome da anti-fosfolipidi

La sindrome da antifosfolipidi è una malattia autoimmune che causa una coagulazione anomala del sangue. Gli anticorpi attaccano erroneamente un tipo di lipide chiamato fosfolipidi e le proteine ​​associate che rivestono i vasi sanguigni, danneggiando questi vasi. La sindrome da sola o con un’altra condizione autoimmune – come il lupus – e le donne incinte con questa sindrome sono esposte a gravi complicazioni:

  • Aborto spontaneo ricorrente o natimortalità.
  • Alta pressione sanguigna o preeclampsia.
  • Il feto non cresce come previsto (le sue piccole dimensioni in relazione all’età gestazionale).

Per diagnosticare la sindrome da antifosfolipidi, il medico chiederà informazioni su una precedente storia di aborto spontaneo, nascite premature o coaguli precedenti e ordinerà un esame del sangue per rilevare gli anticorpi antifosfolipidi, una condizione che può essere controllata e portata in sicurezza con trattamenti appropriati, che ti menzioneremo in dettaglio in un paragrafo successivo.

Il Lupus eritematoso sistemico (LES)

In cui il sistema immunitario attacca alcuni tessuti del corpo, causando infezioni e può danneggiare i tessuti di tutto il corpo e può colpire la pelle, le articolazioni, i reni, le cellule del sangue, i vasi sanguigni, i polmoni e il cervello, e i suoi sintomi spesso includono affaticamento, articolazioni dolorose e gonfie, eruzioni cutanee e febbre inspiegabile e la convinzione ha prevalso per molto tempo La gravidanza con LES porta a complicazioni sia per la madre che per il bambino, ma è un’idea sbagliata, infatti, una donna può concepire e completare la gravidanza in sicurezza con il controllo dei sintomi e consultare un medico prima della gravidanza.

I sintomi del lupus possono comparire per la prima volta, peggiorare o diventare meno gravi durante la gravidanza. Non è possibile prevedere come la gravidanza influenzerà il suo decorso, ma i suoi attacchi si intensificano subito dopo la nascita.

Le complicanze del LES in gravidanza spesso includono:

  • Aborto spontaneo ricorrente.
  • Embrioni che non crescono per l’età della gravidanza.
  • Nascita prematura.
  • Diminuzione della frequenza cardiaca fetale.

Se la donna soffre di complicazioni dovute al lupus, come danni ai reni o ipertensione, il rischio di morte del feto aumenta durante la gravidanza o del bambino dopo la nascita, e i problemi legati al lupus possono essere ridotti se la gravidanza viene posticipata fino a quando il disturbo non diventa inattivo per almeno sei mesi, Pur aderendo ai farmaci per controllare la malattia, controllare il più possibile la pressione sanguigna e la funzione renale

Artrite reumatoide

L’artrite reumatoide o artrite reumatoide è un tipo cronico di artrite, che causa infiammazione del suo rivestimento, in cui il sistema immunitario attacca erroneamente le cellule sane delle articolazioni delle caviglie, dei piedi, dei polsi, delle mani, dei gomiti, delle ginocchia e della colonna vertebrale, che causa infiammazione e degenerazione delle articolazioni e delle ossa, e una sensazione di dolore o gonfiore, e alcuni medicinali possono Quelle prese per questa condizione possono causare difetti alla nascita o parto prematuro, quindi è importante consultare un reumatologo prima della gravidanza, se si soffre di artrite reumatoide.

Tuttavia, i sintomi dell’artrite reumatoide e dell’artrite reumatoide migliorano durante la gravidanza in più della metà delle donne con essa, ma di solito tornano alle condizioni precedenti dopo il parto e la causa non è nota e l’artrite reumatoide può verificarsi per la prima volta durante la gravidanza o si verifica più spesso. Poco dopo la nascita, ma se l’artrite si è verificata prima della gravidanza e ha danneggiato le articolazioni dell’anca o la colonna vertebrale inferiore (lombare), il parto può essere difficile per la donna, ma questo disturbo non colpisce il feto.

Trattamento delle malattie autoimmuni per le donne incinte

Il trattamento delle malattie autoimmuni varia a seconda del tipo di malattia e poiché molti dei farmaci prescritti per trattare le malattie autoimmuni possono danneggiare la gravidanza, come nel caso dei medicinali per l’artrite reumatoide, è necessario consultare un medico per determinare quali farmaci possono essere continuati durante la gravidanza e quali farmaci interrompere e le loro alternative. I seguenti sono i trattamenti più importanti per le condizioni che ti abbiamo menzionato durante la gravidanza:

  1. Trattamento del LES: se le donne con lupus stavano assumendo idrossiclorochina prima della gravidanza, possono assumerla anche per tutta la gravidanza e, se si verificano convulsioni, le donne potrebbero dover assumere una dose bassa di corticosteroidi per via orale o gli immunosoppressori prescritti da un medico, come l’azatioprina.
  2. Trattamento della sindrome antifosfolipidica: le donne con questa condizione sono a maggior rischio di aborto spontaneo ricorrente e preeclampsia a causa di coaguli di sangue, quindi il medico di solito prescrive anticoagulanti che aiutano a prevenire i coaguli di sangue, inclusa una bassa dose di aspirina ed eparina durante la gravidanza, per un periodo di sei Settimane dopo la nascita, poiché questo trattamento può prevenire la formazione di coaguli di sangue e complicazioni della gravidanza.
  3. Trattamento dell’artrite reumatoide: la  maggior parte dei farmaci usati per trattare i reumatoidi causa difetti alla nascita o parto prematuro, quindi è importante consultare un medico prima della gravidanza. I farmaci che possono essere usati in sicurezza durante la gravidanza includono FANS e corticosteroidi, oltre a molti farmaci geneticamente modificati, tra cui Si tratta di sulfasalazina e idrossiclorochina, e i farmaci consigliati da interrompere prima della gravidanza includono metotrexato e leflunomide.

In conclusione, mia cara, le malattie autoimmuni e la gravidanza non rappresenteranno una minaccia per la tua salute, purché tu aderisca alle istruzioni del medico e ai farmaci prescritti, e ti consigliamo di seguire un medico prima della gravidanza per almeno sei mesi, per monitorare le tue condizioni, e non c’è motivo di preoccuparsi, poiché la maggior parte delle donne con esso sono riuscite a concepire e partorire senza complicazioni per loro. O per i loro bambini non ancora nati.

Fonti:
Malattie autoimmuni
Il trattamento dell’artrite reumatoide durante la gravidanza
Disturbi autoimmuni durante la gravidanza
Tipi di malattie autoimmuni in gravidanza

Vedere anche

Quali sono le cause dei globuli bianchi alti per una donna incinta?

Quali sono le cause dei globuli bianchi alti per una donna incinta?

Una donna incinta subisce molti cambiamenti fisici, psicologici ed emotivi nel corso dei nove mesi …