Crampi in gravidanza

Crampi in gravidanza, cause e sintomi

L’eclampsia, o eclampsia, è nota da tempo tra le donne con preeclampsia. E questo nome è venuto perché questa condizione colpisce solo le donne in gravidanza, quindi la vecchia convinzione era che il feto stesse avvelenando la madre. Questo è un malinteso, perché questa etichetta non descrive la situazione che si verifica in quanto non vi è avvelenamento nel corpo di una donna incinta.

Lo spasmo della gravidanza è un’emergenza che minaccia la vita della madre e del feto insieme, e circa il 5-7% delle donne in gravidanza a cui è stata diagnosticata la preeclampsia o la preeclampsia ne soffre e in cui la donna incinta soffre di ipertensione e aumento della proteina nelle urine nota come albumina con gonfiore Il corpo come i piedi, le mani e il viso. La malattia progredisce fino a convulsioni durante la gravidanza in 1 donna su 100 con preeclampsia.

Secondo le ultime statistiche, le convulsioni della gravidanza provocano circa 50mila morti di madri in tutto il mondo. Colpisce il 25% delle donne durante la gravidanza, il 50% durante il parto e il 25% dopo il parto.

Le cause della malattia

La causa principale della pre-crisi e della preeclampsia non è ancora nota. Poiché la causa della malattia non è stata scoperta, i medici non possono fornire trattamenti preventivi o test efficaci per una donna incinta per impedirle di contrarre la malattia. Questa malattia è più comune nelle giovani donne durante la loro prima gravidanza. Nonostante ciò, può verificarsi nelle donne in gravidanza con più di un feto (gemelli), nelle donne di età superiore ai trentacinque anni, in quelle con diagnosi di pressione alta prima della gravidanza, nei pazienti diabetici e in coloro che soffrono di altre malattie come la malattia renale o il lupus.
Per ragioni sconosciute, lo spasmo della gravidanza è più comune tra le donne afro-americane rispetto ad altre, e compare anche nelle donne con una storia familiare di questa malattia, come l’infezione della madre o della sorella con la stessa malattia, e anche nelle gravidanze che sono accompagnate da grandi villi coriali, come la gravidanza in Gravidanze gemellari o molari e idrope fetale non immunitaria.
Sebbene la maggior parte dei casi che si verificano siano presenti durante gli ultimi tre mesi di gravidanza o entro 48 ore dopo il parto, i casi sono stati monitorati prima del completamento della 20a settimana di gravidanza e altri casi sono stati rilevati dopo quella, cioè dopo il parto durante il periodo postpartum. Sono stati registrati casi di convulsioni in gravidanza senza essere preceduti da casi di “pre-eclampsia”.

Meccanismo di insorgenza della malattia

Gli scienziati hanno adottato molte teorie e fattori che possono portare a malattie, inclusi fattori genetici, dietetici, immunologici e di altro tipo. Ma rimane la teoria più forte, che finora non è stata completamente dimostrata dalla ricerca scientifica, ovvero che quando c’è una carenza o insufficienza nella perfusione dei vasi sanguigni che forniscono sangue e cibo alla placenta e all’utero, questo porta alla secrezione di mediatori biochimici o antigene. Che si diffonde attraverso il sangue della madre e provoca un forte squilibrio nelle funzioni dell’endometrio, portando a restringimento e costrizione delle arterie del corpo o dei vasi sanguigni in generale, provocando carenze nelle funzioni degli organi del corpo, come cuore, reni, fegato, sistema nervoso, circolazione sanguigna e sangue.

Le carenze delle funzioni degli organi del corpo sono riassunte come segue:

  •   Circolazione: vasocostrizione, aumento del flusso sanguigno ventricolare sinistro, ipotensione venosa, ipotensione dell’arteria polmonare.
  •   Rene: diminuzione della purificazione dell’urea, diminuzione della velocità di filtrazione renale, diminuzione del plasma nei reni.
  •   Fegato: cellule epatiche danneggiate, gruppi sanguigni sotto la membrana epatica.
  •   Sistema nervoso: il fluido raccoglie le cellule cerebrali, emorragia cerebrale.
  •   Sangue: aumento della viscosità del sangue, aumento della capacità di coagulazione, aumento del volume plasmatico e aumento della concentrazione sanguigna.

Sintomi della malattia

Questi sintomi compaiono prima di entrare nella fase del crampo della gravidanza:

Mal di testa, nausea e vomito, disturbi visivi, dolore nella parte destra della parte superiore dell’addome o dello stomaco, gonfiore del corpo, albumina nelle urine. La fase di spasticità è suddivisa in quattro fasi, e alcuni pazienti notano l’assenza di proteine ​​nelle urine e la scomparsa di gonfiore e gonfiore, con la persistenza di disturbi neurologici.
La prima fase: il rafforzamento dei muscoli facciali e ciò che puoi vedere intorno alla bocca.
La seconda fase: contrazioni di trazione che rendono il corpo rigido e duro. Questa fase dura tra 15 e 20 secondi.
Il terzo stadio: il verificarsi di convulsioni o crisi epilettiche, che sono forti vibrazioni involontarie nei muscoli del corpo, accompagnate da secrezione di schiuma dalla bocca, morso della lingua e arresto respiratorio.
La quarta e ultima fase: entrare in coma.
In alcuni rari casi, la fase di convulsione può non verificarsi e il paziente entra direttamente in coma e alcuni pazienti, dopo essersi svegliati dal coma, perdono la vista, senza ricordare cosa le è successo. Durante il sequestro, il feto ha una diminuzione della frequenza cardiaca.

Mezzi di trattamento

Il trattamento delle convulsioni durante la gravidanza dipende dalla prevenzione del ripetersi di crisi epilettiche, dal controllo della pressione alta e dal parto.
Prevenzione delle convulsioni: vengono adottate le misure di prevenzione e controllo primarie conosciute. Si sconsiglia di intervenire durante il primo spasmo cercando di fermarlo o di accorciarlo e si somministra solfato di magnesio per via endovenosa per prevenire ulteriori convulsioni.
Controllo della pressione alta: la pressione sanguigna viene misurata ogni dieci minuti con la somministrazione di un farmaco per abbassare il sangue per via endovenosa.
Parto: dopo aver lavorato per stabilizzare le condizioni del paziente, il taglio cesareo dovrebbe essere accelerato e ciò viene fatto indipendentemente dall’età o dalle dimensioni del feto. Il parto è il trattamento principale e primario per le convulsioni. È molto importante non tentare di partorire prima del completamento delle convulsioni e del coma e della stabilità delle condizioni del paziente.
Monitoraggio continuo della madre dopo il parto e mantenimento della pressione arteriosa nel range di normalità al fine di evitare l’insorgenza di convulsioni gravidiche nelle donne che hanno partorito in fase di pre-eclampsia.

Cause di morte fetale

Le principali cause di morte fetale sono la crescita incompleta alla nascita, gli infarti placentari, la crescita ritardata del feto all’interno dell’utero, il distacco della placenta e una diminuzione della quantità di ossigeno che raggiunge il feto.
Per prevenire problemi di gravidanza e non essere esposta a rischi per la salute, ogni donna incinta deve seguire la sua gravidanza con cure mediche regolari, poiché la diagnosi precoce e il trattamento intensivo dei casi pre-convulsivi con supervisione medica risparmia molti problemi alla madre e al bambino ed è una base per evitare molte complicazioni. E morti tra le donne.

Rischi e complicazioni

Casi di pre-eclampsia durante la gravidanza Oltre a prepararsi all’accoglienza di un nuovo membro della famiglia, la gravidanza di una donna può portare a numerosi, anche se pochi, casi che incidono a lungo sulla sua salute. E la preeclampsia, una delle condizioni potenzialmente gravi, colpisce una donna incinta su 20.

E lo stato di pre-eclampsia è l’emergere di ipertensione e aumento dell’albumina (proteine) nel sangue dopo circa 20 settimane dall’inizio della gravidanza. La maggior parte dei casi di malattia sono lievi e non colpiscono la madre e il feto. Tuttavia, i suoi casi gravi possono portare a convulsioni, ictus o aborto spontaneo.

Lo stato di pre-eclampsia viene “curato” alla nascita, non appena il neonato nasce, la pressione sanguigna e l’albumina urinaria tornano alla normalità. Tuttavia, il verificarsi della condizione può causare effetti a lungo termine. Secondo i ricercatori della McMaster University che hanno pubblicato il loro studio sul Journal of “Heart”, le donne che ne soffrono hanno il doppio delle probabilità di avere un attacco di cuore e un ictus e hanno maggiori probabilità di avere malattie cardiovascolari, che possono portare alla loro morte, rispetto alle donne che non soffrono di complicazioni durante la gravidanza. America nel novembre 2008, secondo un rapporto pubblicato su “Harvard’s Message to the Heart”. Più grave è la preeclampsia, maggiore è il rischio.

La condizione di pre-eclampsia danneggia i vasi sanguigni e i reni, il che porta a problemi in futuro. La gravidanza stessa può anche essere un test di più mesi del cuore e di altri sistemi del corpo.

La pre-eclampsia, il diabete durante la gravidanza e altre complicazioni derivanti dalla gravidanza possono essere segni di problemi che in seguito portano a malattie cardiache.
Se una donna ha sofferto in precedenza di preeclampsia durante la gravidanza, deve mantenere i livelli di pressione sanguigna, colesterolo e peso e controllare i fattori di rischio che interessano il cuore.

Sono in corso studi su mezzi efficaci per proteggere i cuori delle donne che hanno avuto questa condizione.

Vedere anche

L'acido folico aiuta la riproduzione maschile?

L’acido folico aiuta la riproduzione maschile?

Mentre la maggior parte delle coppie è felice con il proprio neonato, sia maschio che …

Lascia un commento